Ha il cancro ma rifiuta di abortire: le restano 2 anni di vita

Sarah Milner si è rifiutata di abortire dopo che le è stato diagnosticato un cancro cervicale particolarmente aggressivo alla 21° settimana di gravidanza. 

Una giovane mamma, Sarah Milner, ha deciso di non abortire nonostante le sia stato diagnosticato un cancro cervicale molto aggressivo durante la 21° settimana di gravidanza, e andando contro il parere dei suoi medici. La trentenne di Stoke-on-Trent, nello Staffordshire (Inghilterra) il 1° aprile scorso ha dato alla luce Louis, una delle più grandi gioie della sua vita. Ora sta continuando la chemioterapia, ma le sono stati dati meno di due anni di vita, avendo ritardato il trattamento mentre era in dolce attesa.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

La coraggiosa scelta di una madre in lotta contro il cancro

“Ero incinta di 21 settimane e mi è stato diagnosticato un cancro cervicale allo stadio uno, descritto come aggressivo” ha raccontato Sarah. “Non potevo credere che stesse accadendo davvero a me. Non sembrava vero. Ero devastata. Ero incinta di Louis e i medici mi hanno consigliato di interrompere la gravidanza. Ma io non volevo assolutamente farlo. Volevo avere il bambino a tutti i costi”. E suo marito James l’ha sostenuta in questa difficile e coraggiosa scelta.

Leggi anche –> Caterina morta a 37 anni: aveva il cancro, ma scelse di non abortire 

Dopo aver dato alla luce Louis tramite taglio cesareo alla 31° settimana, nell’aprile dello scorso anno, Sarah ha subito subito un’isterectomia e la rimozione dei linfonodi nel tentativo di sconfiggere il cancro. Ma a novembre i medici hanno scoperto che il tumore si era esteso a tutto il corpo della giovane mamma. “Mi è stato detto che era la fase quattro e non c’era nient’altro che potessero fare per me. Non potevo credere a quello che mi dicevano ancora una volta. Il mio mondo è crollato completamente”.

Leggi anche –> Madre lotta contro il cancro, muore dopo il parto: marito disperato

“I miei figli, Lily-Grace, che ha 9 anni, Bobbie, che ne ha sette e Louis staranno senza la loro mamma” è l’amara conclusione di Sarah. “Mi sono stati dati circa due anni di vita, ma poiché il mio cancro è molto aggressivo, è probabile che sia più breve… Sono solo felice che sono riuscita a sposarmi con il mio compagno. È stata una delle cose più importanti per me. Siamo anche riusciti a scappare per una mini luna di miele… Voglio lasciare cose speciali per i bambini una volta che me ne sarò andata. Sto scrivendo loro biglietti d’auguri per il futuro e biglietti per altre occasioni speciali come i matrimoni”.