Negazionista Covid, dall’ospedale rilascia delle incredibili parole – VIDEO

Dalla sua camera di ospedale, dove ha dovuto sottostare a ricovero d’urgenza, un negazionista Covid si rivolge ad altri complottisti come lui.

negazionista Covid pentito
Appello di un negazionista Covid pentito ora ricoverato in ospedale Foto dal web

Un altro negazionista Covid ha capito infine la verità ed ora invita tutti quanti a non fare come lui. Che nel corso del 2020 ha sempre ritenuto una frottola qualunque discorso legato alla pandemia ed all’obbligo di dovere indossare mascherine e rispettare il distanziamento sociale.

Leggi anche –> Coronavirus Cina, isolata capitale dell’Hebei con 11 mln di abitanti

Ora però Chuck Stacey, 50 anni, residente in Florida negli Stati Uniti, ha diffuso un messaggio a mezzo social dalla sua camera di ospedale nella quale è ricoverato. Lo scorso 27 dicembre le condizioni di salute dell’allora negazionista Covid erano peggiorate all’improvviso e senza alcuna spiegazione. Lui è sempre stato in buona salute ed il quadro clinico è volto in negativo in pochissimo tempo. Nel corso dei suoi giorni di ricovero, Chuck ha finalmente aperto gli occhi e si è reso conto che tutto quello che sta accadendo nel mondo intero è la triste verità.

Leggi anche –> Bambino positivo, a 7 anni, perde la memoria: “Colpa del virus”

Negazionista Covid, finisce in ospedale e si ricrede: “Non fate come me”

“Non c’è alcun complotto, nessuna cospirazione. La pandemia è vera ed è gravissima. Io pensavo che si fosse di una semplice influenza e non ho mai prestato le dovute cautele. Ho sempre sbagliato però, questa è una malattia brutale”.  L’ex negazionista Covid ha anche sottolineato l’importanza delle mascherine protettive, da indossare correttamente su naso e bocca.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Zona gialla, Italia per due giorni a rischio minimo poi si cambia

“Io non l’ho messa e mai avrei creduto che il mio fisico potesse crollare in questo modo. Lui ad un certo punto neppure riusciva ad alzarsi dal letto e ha dovuto essere sottoposto a respirazione alimentata dalla bombola di ossigeno. Adesso ha rivolto un appello a tutti a prendere le dovute cautele: “Fatelo per voi stessi ma anche per le persone che amate. Non seguite il mio esempio, io la sto pagando cara”.