Coronavirus Cina, isolata capitale dell’Hebei con 11 mln di abitanti

Nuovo allarme Coronavirus Cina, con la megalopoli di Shijiazhuang che è irraggiungibile con qualsiasi mezzo dopo un pesante focolaio interno

Cina Coronavirus lockdown
Nuovo allarme Cina Coronavirus FOTO Getty Images

Negli ultimi mesi la situazione Coronavirus Cina aveva fatto vedere una totale inversione di tendenza rispetto al resto del mondo. Proprio lì dove il virus si ritiene con altissima probabilità che sia sorto, per poi diffondersi in tutto il globo, la situazione si era normalizzata al punto che la gente ha preso parte ad eventi pubblici riversandosi a migliaia nelle piazze delle città più importanti.

Leggi anche –> Washington, lo sciamano italoamericano guida i disordini: chi è Jack Angeli

Ed anche gli stranieri che vivono in Cina, tra i quali alcuni italiani, hanno mostrato dei report via social testimoniando come la vita fosse tornata ai livelli precedenti al 2020. Adesso però giunge un allarme importante deciso dalle autorità locali, che per una nuova, improvvisa emergenza hanno stabilito la chiusura di Shijiazhuang. Si tratta di una megalopoli che conta 11 milioni di abitanti e che fa da capitale della provincia di Hebei. Stesse dimensioni di Wuhan, ritenuta la fonte di origine del virus.

Leggi anche –> Wuhan oggi | l’italiana Ilham | ‘Ristoranti aperti e niente mascherine’ VIDEO

Coronavirus Cina, scoppia un nuovo allarme: chiusa città da 11 mln di abitanti

L’area confina con la provincia dove sorge Pechino e lì si registra il sorgere di 63 casi di positività nella giornata di mercoledì 6 gennaio 2021. Subito allora ecco la messa in atto del blocco totale delle principali strade di comunicazione.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Wuhan | in migliaia al maxi party senza mascherine e distanze | VIDEO

Il nuovo allarme Coronavirus Cina ha fatto si che Shijiazhuang non sia ora più raggiungibile né per la rete stradale né per quella ferroviaria ed aerea. Si attendono novità ulteriori in merito a questo quadro, sperando che il tutto non contribuisca a creare una nuova emergenza.