Coronavirus 2 gennaio: quasi 12mila contagi, un quarto in Veneto

Quali sono i dati dell’emergenza Coronavirus oggi 2 gennaio in Italia: quasi 12mila contagi, un quarto in Veneto, la situazione.

(FILIPPO MONTEFORTE/AFP via Getty Images)

Diffuso pochissimi minuti fa il bollettino per quanto concerne l’emergenza Coronavirus nel nostro Paese. I contagio rispetto a ieri si sono quasi dimezzati, ma ha pesato sicuramente un calo netto dei tamponi effettuati. Nelle ultime 24 ore abbiamo comunque 11.831 nuovi contagi e 364 morti.

Leggi anche –> Ben Chafin, senatore della Virginia, è morto di Coronavirus

Sono oltre diecimila contagi e cento morti in meno rispetto alle 24 ore precedenti, ma è un dato che appunto va valutato insieme agli altri diffusi in queste ore. In particolare, nonostante il basso numero di contagi rispetto agli ultimi giorni, continua a salire il numero degli attualmente positivi.

Leggi anche –> Follia a Capodanno: bambino insulta Conte e spara – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Dati Coronavirus 2 gennaio Italia: la situazione

(MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Infatti, oggi gli attualmente positivi in Italia sono 577.062, oltre duemila in più rispetto a ieri. Sono meno di 10mila i dimessi o guariti delle ultime 24 ore, un fattore che ha influito sulla crescita degli attualmente positivi, così come ha influito il dato sui decessi registrati, in deciso calo. Sono in totale 2,1 milioni i casi accertati di Coronavirus nel nostro Paese da quando è scoppiata la pandemia. Sono in molti a ritenerlo un conteggio sottostimato.

Per quanto riguarda le singole regioni, oltre un quarto dei nuovi contagiati delle ultime 24 ore arriva dal Veneto: 3.165 casi e 46 morti è il bilancio della Regione. Altri duemila casi vengono registrati invece in Emilia Romagna. Sopra quota mille ci sono tra gli altri il Lazio e la Lombardia. In quest’ultima Regione si contano nelle ultime 24 ore ben 78 decessi. Quasi 500 i nuovi casi in Toscana, sfiorato quota 400 invece in Campania.