Cavani, squalifica choc: 3 giornate per un post razzista su Instagram

Edilson Cavani del Manchester United riceve tre giornate di squalifica e maxi multa per un post razzista su Instagram.

(Michael Regan/Getty Images)

L’attaccante del Manchester United Edinson Cavani è stato squalificato per tre partite e multato di 100.000 sterline dopo aver scelto di non contestare un’accusa relativa a un post sul suo account Instagram. Cavani, 33 anni, ha ripubblicato un messaggio a un amico dopo aver segnato due volte nella vittoria per 3-2 a Southampton.

Potrebbe interessarti anche –> Zaniolo flirt con Madalina Ghenea: il timore dei tifosi della Roma

Ha scritto in spagnolo “gracias, negrito” – una espressione che può essere interpretata come razzista nel Regno Unito. Era il 29 novembre, ovvero oltre un mese fa e quelle parole avevano suscitato molto scalpore. Ora arriva per lui una squalifica che era in qualche modo attesa e che a quanto pare il calciatore non contesta.

Potrebbe interessarti anche –> Morto Renato Campanini, bomber dell’Ascoli di Rozzi e Mazzone

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Squalifica a Cavani: cosa è successo

(MARTIN RICKETT/POOL/AFP via Getty Images)

Sebbene sia ampiamente usato come un vezzeggiativo in Sud America e nei Caraibi, la parola è considerata in Inghilterra, così come all’interno di parti della comunità afro-britannica, come portatrice di connotazioni razziali. Così la Federcalcio inglese ha voluto indagare sull’episodio. L’attaccante ex Napoli, iscritto a un programma educativo, salterà le partite contro Aston Villa, Manchester City e Watford. La multa al calciatore potrebbe essere usata per iniziative contro il razzismo.

Un comunicato diffuso giovedì dal club recita: “Come ha affermato, Edinson Cavani non era a conoscenza del fatto che le sue parole avrebbero potuto essere interpretate male e si è scusato sinceramente per il post e per chiunque si sia offeso”. L’attaccante, spiega ancora il Manchester United, “ha scelto di non contestare l’accusa per rispetto e solidarietà con la FA e la lotta al razzismo nel calcio”. Il calciatore – si sottolinea infine – “non è un razzista, né c’erano intenti razzisti in relazione alle sue parole”.