Morto Renato Campanini, bomber dell’Ascoli di Rozzi e Mazzone

Grave lutto nel mondo del calcio italiano: morto Renato Campanini, bomber dell’Ascoli di Rozzi e Mazzone, attaccante dei record.

(screenshot video)

Si è spento oggi ultimo giorno dell’anno, all’età di 82 anni, Renato Campanini, ex centravanti professionista. Il calciatore ha militato principalmente nel Cosenza e nell’Ascoli e ha un ruolino davvero importante a livello di segnature. In particolare, era capitano dell’Ascoli di Costantino Rozzi e Carlo Mazzone.

Leggi anche –> 18enne muore di Covid all’improvviso: “L’ha divorata in 3 giorni”

Grazie ai suoi gol, la squadra marchigiana ottenne la prima storica promozione in Serie A, a metà anni Settanta. Ad Ascoli Piceno lo ricordano con il soprannome di “Faina”, mentre a Cosenza era “La Volpe”. Si tratta di un calciatore che ha davvero messo a segno una serie di record nei campionati professionistici di Serie A, B e C.

Leggi anche –> Italiano morto in Spagna: Diego, 33 anni, travolto da onda anomala

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Chi era Renato Campanini, l’ex bomber dell’Ascoli morto oggi

Per quattro volte fu infatti capocannoniere del campionato di Serie C, l’ultima vestendo la maglia dell’Ascoli nel 1971-1972 con 23 reti. Erano passati 12 campionati da quando con la Mestrina vinse per la prima volta il titolo di capocannoniere. Lo rivinse poi nel 1965-1966 con il Cosenza e nel 1968-1969 con il Brindisi. Con la squadra calabrese, realizzò 60 gol in 5 stagioni e meglio ha fatto con l’Ascoli, dove ha segnato ben 74 gol, concludendo la sua carriera in maniera davvero straordinaria.

Sua è stata la prima rete in assoluto dell’Ascoli in Serie A contro il Napoli, mentre il suo addio alla squadra marchigiana e al calcio giocato fu eclatante. Infatti, nell’ultima partita della stagione 1974-1975, al Del Duca l’Ascoli già salvo affrontò l’Inter, che stava mettendo fine a una stagione difficile da centro classifica. I marchigiani si imposero 4-2 e Campanini realizzò una doppietta personale, con tanto di tunnel a Sandro Mazzola. L’attaccante è stato uno degli attaccanti più prolifici della storia del calcio italiano professionistico: 193 gol complessivi. A lungo, è stato l’italiano che ha detenuto il record di gol nei maggiori campionati: fino ad allora meglio di lui avevano fatto Gunnar Nordahl con 225 reti e José Altafini con 216 gol. Successivamente sarà superato da Roberto Baggio, Alessandro Del Piero, Francesco Totti, Luca Toni e Totò Di Natale.