Grave lutto nella medicina: morto il prof. Perfetti, luminare della riabilitazione

Si è spento Carlo Perfetti, scienziato di fama internazionale e “padre” della tradizione riabilitativa dell’Altovicentino.

E’ morto questa mattina, all’età di 80 anni, il prof. Carlo Perfetti, già primario del’Unità operativa di Recupero e rieducazione funzionale dell’ex ospedale di Schio (Vicenza) dal 1986 al 2001. Scienziato di fama internazionale nel campo della riabilitazione, Perfetti è stato il padre della teoria neurocognitiva della riabilitazione, un approccio originale al trattamento dei pazienti, in particolare cerebrolesi, fondato sul presupposto che il recupero di un danno motorio passa attraverso l’attivazione dei processi cognitivi e il linguaggio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La lunga e brillante carriera di Carlo Perfetti

Il prof. Carlo Perfetti aveva fondato e dirett il Centro Studoi di Riabilitazione Neurocognitiva di Villa Miari, a Santorso, nato da una collaborazione tra l’ex ULSS n.4 “Alto Vicentino” e il Comune di Santorso. Il Centro, tuttora pienamente operativo, è divenuto ben presto un punto di riferimento per tutti i riabilitatori neurocognitivi italiani e stranieri e sede di un’intensa attività formativa ed editoriale (i libri dello specialista sono stati tradotti in diverse lingue straniere).

Leggi anche –> Guido Rasi, chi è l’ex presidente dell’Agenzia Europea dei Medicinali

Leggi anche –> Michael Houghton, chi è: tutto sul Premio Nobel 2020 per la Medicina 

Leggi anche –> Rita Levi Montalcini, perché ha vinto il Premio Nobel per la medicina

Nel 2009, per motivi di salute, il professor Perfetti era rientrato nella sua Toscana, ma le sue allieve storiche hanno fondato la Scuola internazionale di Riabilitazione Neurocognitiva, a lui intitolata, per formare i docenti che diffondono i principi della sua teoria. A livello locale l’U.O. di Recupero e Rieducazione Funzionale dell’Ospedale Alto Vicentino di Santorso, guidata dalla dott.ssa Francesca Rossetto, ultima allieva e collaboratrice del Professore, ha fatto tesoro della sua pratica riabilitativa applicando lo stesso tipo di approccio.