Rita Levi Montalcini, perché ha vinto il Premio Nobel per la medicina

La celeberrima scienziata Rita Levi Montalcini ha vinto un Premio Nobel per la Medicina. Scopriamo insieme che cosa ha fatto per riceverlo.

La famosissima scienziata Rita Levi Montalcini è conosciuta e famosa a livello mondiale. È stata l’unica donna italiana ad aver vinto un Premio Nobel nel ramo della scienza. Rita è nata, insieme alla sorella gemella Paola, a Torino nel 1909. Le due gemelle erano figlie di un ingegnere elettrotecnico e di una pittrice. Rita ha scelto di intraprendere la strada del padre, quella della scienza, mentre Paola ha invece seguito le orme della madre, indirizzandosi verso la pittura.

Leggi anche->Rita Levi Montalcini chi era: età, carriera e vita privata del Premio Nobel

La Montalcini ha dedicato la sua intera vita alla scienza. Ha convinto il padre a permetterle di studiare, e si è così laureata in medicina nel 1936 presso l’Università di Torino. La donna ha cominciato all’Istituto Giuseppe Levi la sua carriera come internista. Lì ha conosciuto niente meno che Salvatore Luria e Renato Dulbecco, stringendo con loro un forte legame di amicizia. È curioso sapere che tutti e tre gli amici hanno, di lì a qualche hanno, ricevuto l’ambitissimo Premio Nobel.

Leggi anche->Rita Levi Montalcini: si spegne a 103 anni

Durante gli anni della guerra, costretta a scappare, perché di origine ebrea, prima a Bruxelles, poi nuovamente a Torino, Rita ha continuato i suoi studi e le sue ricerche in un piccolo laboratorio casalingo, da lei completamente allestito. Proprio lì ha cominciato a studiare il sistema nervoso degli embrioni di pollo. Costretta a causa della guerra a spostarsi a Firenze, ha accantonato per un po’ le ricerche, impegnandosi come medico delle Forze Alleate. Riprenderà i suoi studi soltanto al termine della guerra, una volta rientrata a Torino.

Leggi anche->Premio Nobel Fisica 2019, premiata tesi di laurea del ’95 sul primo esopianeta

Nel 1947 Rita ha preso il volo per gli USA, invitata alla Washington University di Saint Louis da niente meno che il neuroembriologo Viktor Hamburger. Proprio lì, in America, insieme al suo fidato collaboratore Stanley Cohen, ha scoperto il NGF, ovvero il Nerve Growth Factor. Il NGF è una proteina utile allo sviluppo del sistema nervoso. Proprio grazie a questa sensazionale scoperta, Rita e Stanley riceveranno nel 1986 il Premio Nobel per la Medicina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rita Levi Montalcini: la sensazionale scoperta da Premio Nobel

La scoperta che Rita Levi Montalcini ed il suo collaboratore Stanley Cohen hanno fatto, ovvero quella del Nerve Growth Factor, detto NGF, ha condizionato il mondo della scienza e della medicina in poco tempo. Grazie ai loro studi infatti, il ramo neuroscientifico della medicina ha compiuto passi da gigante, prendendo sempre più campo ed acquisendo sempre più importanza.

Gestione cookie