Carabinieri e pompieri irrompono in casa e trovano uomo morto a letto

Dopo una telefonata di allarme, soccorritori e forze dell’ordine trovano un uomo morto nella sua abitazione. Accanto a sé c’era un’arma.

uomo morto carabinieri vigili fuoco
Carabinieri e vigili del fuoco irrompono in appartamento e trovano uomo morto a letto Foto dal web

Trovato un uomo morto in casa, con una pistola ad aria compressa accanto. Il fatto risale al pomeriggio di mercoledì 23 dicembre 2020. A Roma i carabinieri sono penetrati nell’abitazione di un pensionato i 62 anni che viveva da solo. Il sollecito ad intervenire era giunto alle forze dell’ordine da parte di alcuni parenti della vittima. In particolare dal cognato, che non lo sentiva sin dalla giornata di lunedì 21 dicembre.

Leggi anche –> Cade dalla scogliera, tragica fine per uomo al telefono con la figlia

Purtroppo i militari hanno potuto constatare con i loro occhi cosa fosse successo. A letto c’era l’uomo morto, con a brevissima distanza l’arma non letale e non tenuta in mano. Per entrare in casa della vittima le forze dell’ordine ed i soccorritori (presenti anche personale medico del 118 e Vigili del Fuoco, n.d.r.) hanno dovuto forzare la serratura. L’ingresso risultava chiuso a chiave dall’interno e non c’era nessun altro segno di effrazione alle altre aperture dell’abitazione. Segno che la circostanza non dovrebbe essere ascrivibile ad alcun possibile atto di violenza.

Leggi anche –> Genitori uccidono figlia | la fanno violentare dai vicini poi l’ammazzano

Uomo morto, disposta l’autopsia: si cercano conferme

Anche sul corpo dell’uomo non c’erano segni di lotta o ferite recenti. I carabinieri del nucleo investigativo hanno compiuto alcuni rilievi all’interno dell’appartamento. Per ora l’ipotesi più accreditata atta a potere spiegare il decesso del pensionato sembra propendere per la pista del malore improvviso.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Ancona, barista morto dopo caduta dalle scale: indaga la Procura – FOTO

L’Autorità Giudiziaria ha disposto il sequestro del cadavere, sul quale nei prossimi giorni verrà svolto un esame autoptico. Le analisti post mortem potranno essere in grado di smentire o magari confermare anche la eventuale ipotesi del suicidio, se all’interno del corpo dovessero essere trovate delle sostanze esterne letali. Sul conto della vittima si sa che era affetto da alcune patologie di grave entità.