Bruno Vespa, la gaffe imperdonabile: viene corretto da un ragazzino

Bruno Vespa è stato ospite Da noi…A ruota libera ed ha commesso una gaffe imperdonabile che ha causato imbarazzo in diretta.

Il noto conduttore Bruno Vespa è stato ospite al programma “Da noi…A ruota libera” di Raiuno ed ha commesso una gaffe abbastanza imperdonabile. A correggerlo ci ha pensato Francesco Barberini, un ragazzino di 13 anni presente in studio per parlare delle sue passioni.

Francesco Barberini è un appassionato di ornitologia e di bird watching che, nel 2018, è stato nominato Alfiere della Repubblica Italiana dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per i suoi meriti scientifici e divulgativi. Il giovane ospite era presente nel salotto di Francesca Fialdini insieme a Bruno Vespa, che è stato protagonista di una tremenda gaffe. Il giornalista, conduttore di “Porta a Porta” ha chiesto al ragazzo se studiasse soltanto gli uccelli più comuni o anche quelli più particolari, come i pipistrelli. Com’è ben noto, però, questo animale non c’entra molto con l’ornitologia e il tredicenne l’ha dovuto correggere, sostenendo che: “I pipistrelli non sono uccelli, ma mammiferi“.

LEGGI ANCHE -> Bruno Vespa, chi sono i figli Federico e Alessandro: cosa fanno

LEGGI ANCHE -> Bruno Vespa, chi è la moglie Augusta Iannini: età, foto, lavoro

Bruno Vespa, per il conduttore di Porta a Porta è bufera sui social

In poco tempo i social si sono riempiti di commenti sul noto conduttore, condividendo anche video riguardanti l’imbarazzante gaffe commessa in diretta televisiva. Per molti utenti del mondo del web, l’errore di Bruno Vespa è “irreparabile ed imperdonabile“. Prima di correggere il giornalista, il tredicenne Francesco Barberini è scoppiato a ridere, mostrandosi incredulo per ciò che aveva sentito.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Il conduttore di “Porta a Porta” era già stato protagonista di una bufera sui social, per alcune dichiarazioni su Mussolini. Ora, però, la gaffe sui pipistrelli lo ha riportato al centro dell’attenzione mediatica.