De Luca: “A Natale in Campania vietati mobilità e vendita di alcolici”

Vincenzo De Luca annuncia quali provvedimenti renderà operativi per arginare la circolazione della pandemia in Campania in vista di Natale.

De Luca zona rossa Campania
Vincenzo De Luca zona rossa Campania Foto dal web

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, ha parlato in diretta per illustrare i provvedimenti da mettere in atto in occasione delle festività di Natale. Si rende necessario attuare delle strette allo scopo di impedire il più possibile la formazione di assembramenti e la circolazione del virus. A detta di De Luca, il Governo starebbe cercando una sorta di compromesso tra la prevenzione e concessioni.

Leggi anche –> Recovery Fund, Conte: “Aiuti in arrivo, grande ruolo dell’Italia”

“Ma servono interventi decisi e tempestivi, non soluzioni dell’ultimo momento. Mentre a livello nazionale ci saranno dei provvedimenti da mezze misure, chi vi parla ha già scelto in che maniera agire. Le deroghe sono prese in giro, si fa finta di aprire per tre giorni per poi prolungare lo stato di emergenza per tre mesi”. E De Luca annuncia il blocco alla mobilità per i Comuni oltre che alla vendita di alcolici. La Regione Campania renderà nota una nuova ordinanza a breve, con tutta probabilità già nella giornata di venerdì 18 dicembre. Inoltre il governatore fa sapere che la Campania stessa “ancora una volta è riuscita a scampare al peggio, nonostante siano arrivati da noi solamente 23 medici ed un anestesista. Ce la stiamo facendo con le nostre sole forse”.

Leggi anche –> Zona rossa Natale, “si a due non conviventi al cenone bimbi esclusi”

De Luca: “Inaccettabile dare più fondi al Nord anziché al Sud”

🔴#CORONAVIRUS: facciamo il punto della situazione sull’epidemia e sulle misure da prendere per il periodo festivo.
Seguitemi:

Pubblicato da Vincenzo De Luca su Venerdì 18 dicembre 2020

Il governatore elogia i lavoratori del settore medico e sanitario già impegnati sul territorio. L’ex sindaco di Salerno contesta anche la distribuzione di 65 miliardi di euro, frutto di finanziamenti a fondo perduto arrivati dall’Europa. “Il Governo vuole darne il 66% al Settentrione ed il rimanente 34% al Sud, inaccettabile.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Anticorpi monoclonali, “L’Italia ha una terapia efficace e non la usa”

“Solleciterò tutte le forze politiche e parlamentari del Mezzogiorno a fare fronte comune, al di là delle appartenenze a questo o quel partito”. Ci sono delle difficoltà già da tempo, che richiedono impegno e serietà per potere essere limate. “Stiamo lavorando per garantire la salute ed il benessere dei cittadini”. L’intervento del governatore si chiude con un invito più accorato che mai ad essere responsabili. “Anche un comprensibile momento di calore umano in famiglia rischia di fare ripartire il contagio”.