Giustina muore a 39 anni, si era contagiata all’asilo: doloroso addio

Una donna pugliese di 39 anni, Giustina, è venuta a mancare. Il contagio probabilmente è avvenuto nell’asilo dove lavorava.

Giustina Brigido, di 39 anni, lavorava come collaboratrice scolastica all’Istituto San Francesco d’Assisi, una scuola dell’infanzia situata a Polignano a Mare ed è tra le vittime più giovani del Coronavirus in Puglia.

La donna è morta a soli 39 anni, stroncata dal Covid. Sembra che il contagio sia avvenuto lo scorso ottobre proprio nella scuola dell’infanzia dove lavorava e che le sue condizioni si siano aggravate in poco tempo. A darne la triste notizia è stato il sindaco di Polignano a Mare e presidente di Anci Puglia, Domenico Vitto, annunciandolo sulla sua pagina Facebook. “La morte è un evento difficile da pensare e quando a morire è un fiore, una ragazza vitale e dolce, la mente si offusca e il dolore prende il sopravvento“, ha scritto il primo cittadino.

LEGGI ANCHE -> Daniele Rizzi muore di Covid, medico amato da tutti: le parole della figlia

LEGGI ANCHE -> Vaccino Covid, chi è la prima persona al mondo ad averlo ricevuto | FOTO

Giustina, collaboratrice d’asilo di 39 anni stroncata dal Covid

Giustina Brigido, come riporta il quotidiano La Repubblica, lascia il marito e un figlio. L’intera comunità di Polignano a Mare è rimasta scioccata dalla sua morte, sopraggiunta in maniera improvvisa e sono stati numerosissimi i messaggi di cordoglio da parte di conoscenti ed amici sulla sua pagina Facebook.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La donna poco dopo aver subito il contagio, avvenuto nella scuola dove lavorava, era stata ricoverata in terapia intensiva e le sue condizioni si erano aggravate in poco tempo, causandone infine il decesso. Nella giornata di ieri in Puglia sono stati registrati 1.001 casi positivi di Coronavirus e si sono registrati 24 decessi. Sale a 17.028 il dato riguardante i pazienti guariti mentre i casi attivi sono di 46.578, dei quali 44.773 in isolamento domiciliare e 1.805 ricoverati nei reparti Covid e nelle terapie intensive.