Coronavirus, Lamorgese positiva: “Ha dovuto lasciare il CdM”

Allerta Coronavirus anche nel governo Conte, la ministra Luciana Lamorgese positiva: “Ha dovuto lasciare il CdM”.

(screenshot video)

Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, è risultata positiva al coronavirus. Lo scrive Il Tempo e lo conferma l’Agi. A quanto pare, la rappresentante del governo Conte avrebbe lasciato poco fa il Consiglio dei Ministri, che sarebbe stato sospeso per circa mezz’ora. Non è chiaro se la ministra abbia manifestato sintomi durante il CdM.

Leggi anche –> Festa di compleanno, arrivano torta e pure i carabinieri: multa da 5200 €

L’ipotesi più probabile è che sia asintomatica e che durante i controlli rituali in avvio di Consiglio dei Ministri sia stata trovata positiva al Coronavirus. Stando alle poche notizie filtrate, la seduta del CdM, riuniti i membri del governo Conte, dopo una rapida sospensione, sarebbe quindi ripresa e “terminata dopo una manciata di minuti”.

Leggi anche –> Contagi oggi, nonno e nipote ricoverati insieme: “Il giovane messo peggio”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le condizioni di Luciana Lamorgese, positiva al Coronavirus

La ministra Lamorgese – dalle prime notizie che filtrano – dovrà seguire le abituali procedure e rimanere in isolamento. Non sono al momento note le sue condizioni di salute: non è quindi ufficiale che la rappresentante del governo Conte sia asintomatica. Figlia dell’ex prefetto Italo Lamorgese, è stata lei stessa prefetto, prima di assumere l’incarico di governo: quella nell’esecutivo Conte 2 è la sua prima esperienza di governo.

La donna ha due figli ed è sposata con un infettivologo, il dottor Orlando Armignacco. Nata a Potenza nel 1953, nelle scorse ore la ministra aveva spiegato che in occasione del Natale il dispositivo di controllo degli spostamenti all’interno del territorio nazionale avrebbe coinvolto decine di migliaia di agenti di polizia. Ora si attendono conferme ufficiali dal Viminale per quanto riguarda le condizioni di salute di Luciana Lamorgese.