Contagi oggi, nonno e nipote ricoverati insieme: “Il giovane messo peggio”

Sia un giovane che suo nonno si trovano nello stesso ospedale a causa del virus. È una delle storie significative sui contagi oggi nel mondo

contagi oggi nonno nipote
Situazione contagi oggi nonno nipote ricoverati nello stesso reparto Foto dal web

Una delle tante storie significative sui contagi oggi vede nonno e nipote ricoverati nello stesso reparto di ospedale. Sia il 29enne Chris Emery che l’82enne James Marshall sono risultati positivi nei giorni scorsi. Entrambi hanno dovuto fare ricorso alle cure dei medici a Sunderland, nel nord dell’Inghilterra.

Leggi anche –> Gigi Dall’Aglio, morto l’attore teatrale stroncato dal virus

E tutti e due non se la sono vista affatto buona ad un certo punto. Ora però i rispettivi quadri clinici sono fortunatamente migliorati e sia il nonno che il nipote sperano di potere essere dimessi quanto prima. Il giovane Chris si era sentito male in seguito ad una sessione di jogging la scorsa settimana. Notando di essere soggetto ai sintomi caratteristici del virus, il ragazzo si era posto in autoisolamento fiduciario, prenotando un test con apposito tampone già per il giorno successivo. Le sue condizioni stavano peggiorando in maniera progressiva e la famiglia lo ha portato urgentemente in ospedale, al ‘Sunderland Royal Hospital’.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Ilaria Capua contro Bassetti: “I vaccini sono sicuri”

Contagi oggi, il nonno sin da subito con un quadro clinico migliore di suo nipote

Lì Chris è finito in terapia intensiva per il sorgere di una preoccupante polmonite. I dottori hanno dovuto attaccarlo ad un respiratore artificiale. La stessa sorte è toccata a suo nonno James, apparso angosciato però dal fatto di avere appreso che il suo giovane nipote stava peggio di lui. Ed anche la madre di Chris era risultata positiva. Per quanto riguarda l’anziano, già tra ottobre e novembre era finito in ospedale a causa di un calo importante di zuccheri. Ma adesso tutti e due stanno meglio ed il giorno in cui potranno essere dimessi non è affatto lontano.

Leggi anche –> Natale in Pandemia, previsti ben tre anni di carcere per chi proverà a infrangere le regole