Maradona, è ufficiale: lo stadio di Napoli avrà il suo nome

La morte di Diego Armando Maradona, è ufficiale: lo stadio di Napoli avrà il suo nome, la delibera della giunta De Magistris.

(Francesco Pecoraro/Getty Images)

Napoli avrà il suo Stadio Diego Armando Maradona: dopo l’ok della commissione toponomastica, la delibera del sindaco Luigi de Magistris modifica ufficialmente il nome dello Stadio San Paolo. Una decisione presa in tempi record, quella di intitolare lo stadio al Pibe de Oro. E che è arrivata anche grazie alla spinta popolare.

Leggi anche —> Maradona: morto anche il primo giornalista che lo intervistò

Appena pochi minuti dopo che la notizia della morte di Maradona si è diffusa, in migliaia hanno chiesto di intitolargli lo stadio. L’ultimo nodo da sciogliere è legato all’ok del Prefetto Marco Valentini. Infatti, questi potrebbe opporsi, non essendo passati i 10 anni che imporrebbe la legge. Ma è verosimile che non lo faccia.

Leggi anche —> Maradona, chi è l’ex moglie Claudia Villafañe: il grande amore e i tradimenti

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo stadio di Napoli avrà il nome di Maradona

La delibera approvata oggi è stata proposta dal sindaco Luigi de Magistris e dall’assessora alla Toponomastica Alessandra Clemente: a firmarla è stata tutta la giunta Comunale. Nella delibera, Diego Armando Maradona viene ricordato come “il più grande calciatore di tutti i tempi” e si ricordano soprattutto i sette anni a Napoli, che hanno regalato alla città i due storici scudetti, gli unici della sua storia e contestualmente gli unici del Sud Italia peninsulare. Maradona – si legge – ha ricevuto “in cambio dalla città intera un amore eterno e incondizionato”.

Il calciatore – scrive anche la giunta comunale – “ha incarnato il simbolo di riscatto di una squadra alla quale, negli anni più bui, ha dimostrato che è possibile rialzarsi, vincere e trionfare”. Un messaggio che dallo sport è passato alla vita di tutti i giorni di Napoli. Maradona, si legge ancora, è stato “sempre dalla parte dei più deboli e della gente comune”, combattendo “i pregiudizi e le discriminazioni di cui erano ancora oggetto i napoletani all’interno degli stadi”.