Dpcm Natale, i provvedimenti di dicembre: lotta ai furbi in sci

Il prossimo Dpcm Natale intende annullare il malcostume di chi va all’estero per sciare, col rischio di tornare in Italia da positivo.

Dpcm Natale dicembre
Provvedimenti Dpcm Natale dicembre Foto dal web

È allo studio un apposito Dpcm Natale 2020 che verrà emanato con tutta probabilità all’inizio di dicembre. Il giorno indicato per ricevere la nuova comunicazione da parte del Governo in merito ai provvedimenti anti contagio in vista delle festività natalizie coincide in particolare con il prossimo 3 dicembre, giovedì prossimo.

Leggi anche –> Rinnovo della patente, Mit annuncia deroga per documenti scaduti

Il premier Giuseppe Conte, in visita ufficiale a Palma di Maiorca, in Spagna, nelle scorse ore ha fatto sapere che la sua squadra sta analizzando tutti gli aspetti necessari per diramare il cosiddetto Dpcm Natale  in grado di garantire la riapertura delle scuole in totale sicurezza per le ultime tre settimane dell’anno prima delle festività. Inoltre l’Esecutivo sta concependo delle “maggiori cautele” per il periodo natalizio. L’Italia è in attesa di indicazioni certe da parte della Unione Europea per quanto riguarda gli impianti di sci. È chiaro che non è possibile procedere con le vacanze in montagna e con la classica settimana bianca che in molti erano soliti concedersi nel periodo invernale. Una scena deplorevole tra l’altro vista tanto all’inizio della pandemia, a febbraio 2020, quando già l’Italia si trovava in una situazione di emergenza, quanto pochi giorni fa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Dpcm Natale, le indicazioni annunciate a dicembre

Con il risultato che si erano venuti a creare tanti assembramenti potenzialmente pericolosi in ottica contagio. Il governo vuole impedire anche che i soliti furbi sconfinino all’estero pur di andare a divertirsi sulla neve, senza alcun controllo in ambito sanitario. Per poi tornare a casa, magari da asintomatici, per diffondere il virus senza esserne consapevoli. Queste furbate vanno stroncate sul nascere. Per chi si trova in zona gialla sono consentiti gli spostamenti nelle seconde case, nel caso in cui se ne disponga. Ma il Governo sconsiglia comunque gli spostamenti di massa che possono dare adito alla formazione dei soliti assembramenti. Si confida sul buonsenso e sulla responsabilità dei cittadini.

Leggi anche –> Scuole riaperte, il premier Conte: “Va fatto il prima possibile”

Per le notti di Natale e Capodanno possibile coprifuoco ristretto

Il Dpcm Natale potrebbe poi portare ad un accorciamento di quello che è l’orario che contraddistingue il coprifuoco notturno. Invece della fascia 22:00-05:00 all’interno della quale non è consentito circolare in strada se non per motivi di impellente urgenza, si potrebbe passare alle 23:00 od alle 24:00 come inizio dello stesso coprifuoco. Per le notti del 24 dicembre e del 1° gennaio 2021 invece ci potrebbe essere ulteriore permissività di circolazione, forse fino all’una del mattino.

Leggi anche –> Ilaria Capua: “Con il vaccino, ma senza mascherina si può contagiare”