Alberto Matano linciato, la gente muore: orrore contro il conduttore

Il conduttore de La vita in diretta, Alberto Matano è stato linciato pubblicamente. Diventa il bersaglio dei negazionisti del Covid.

Alberto Matano, alla conduzione de “La vita in diretta“, il programma in onda su Rai1, è stato linciato dopo un servizio mandato in onda dalla trasmissione relativo all’emergenza sanitaria del Coronavirus. Il conduttore, oltre a far fronte alla paura del Covid in studio, si sta impegnando per raccontare l’esperienza vissuta dall’Italia.

LEGGI ANCHE -> Alberto Matano confessa: “Momento di gioia inaspettata”

LEGGI ANCHE -> Alberto Matano sostituito a La vita in diretta, l’indiscrezione

Il conduttore Alberto Matano ha mandato in onda un servizio in collegamento con la terapia intensiva dell’ospedale Amedeo di Savoia di Torino ed è diventato un bersaglio dei negazionisti del Coronavirus. Il conduttore de “La vita in diretta” è stato poi intervistato da Selvaggia Lucarelli a Radio Capital ed ha spiegato l’episodio: “Da giornalista, mi sono sempre occupato di fake news, ma non mi ero mai trovato in un caso di autentica manipolazione della verità“. Quando però è stato mostrato un paziente affetto da Covid senza mascherina, i negazionisti si sono scatenati contro Matano e il programma.

LEGGI ANCHE -> Alberto Matano furioso a La vita in diretta: certe cose non dovrebbero accadere

Alberto Matano accusato dai negazionisti del Covid

Siamo stati nella terapia intensiva dell’ospedale Amedeo di Savoia di Torino e abbiamo fatto vedere cosa avviene. C’era un paziente con l’ossigeno, sottoposto alla terapia del casco, e accanto a lui c’era un altro signore malato di Covid, che però non aveva un casco o altre protezioni in quel momento“, ha raccontato il giornalista Alberto Matano ai microfoni di Radio Capital. Secondo il conduttore de “La vita in diretta” i negazionisti hanno tagliato il video, mostrando il secondo paziente, che non era neanche intervistato.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Hanno detto che si trattava di attori, che era tutta una finzione, una messa in scena, terrorismo mediatico“, ha affermato Alberto Matano, riportando la chiave utilizzata dai negazionisti per manipolare la realtà. Selvaggia Lucarelli ha difeso il collega ed ha poi aggiunto che: “Hanno insinuato che nei reparti Covid c’è gente sul letto senza mascherine, che se la spassa. E che quindi non c’è nessun pericolo, che il Covid non esiste“.