Zona rossa regole | ‘Spesa in altri Comuni consentita se fa risparmiare’

Aggiornamenti zona rossa regole per quanto riguarda la spesa. Arriva un permesso che favorisce gli spostamenti in altre località in certi casi.

zona rossa regole spesa
News zona rossa regole spesa FOTO Getty Images

Giunge una comunicazione importante in materia di zona rossa regole, in merito alla possibilità di fare la spesa. Nelle aree dell’Italia contraddistinte dall’allerta massima in fatto di pandemia, le uscite di casa e gli spostamenti sono contingentati solamente per quelle situazioni imprescindibili. Che riguardano motivazioni di lavoro, di studio o di salute. Poi ovviamente bisogna anche andare a fare la spesa.

Leggi anche –> Dpcm dicembre, Crisanti: “Inaccettabile riaprire tutto a Natale”

Ma la limitazione ed il divieto di lasciare il proprio Comune di residenza ha creato in molti casi delle problematiche non da poco. In tanti infatti erano abituati a raggiungere un centro commerciale, un discount o comunque un negozio di fiducia posto in un’altra località, principalmente per una questione relativa alla convenienza nel rapporto tra spesa e prezzi. Proprio per questo motivo, la situazione zona rossa regole – almeno in Toscana – presenta una novità che potrebbe essere estesa anche al resto del Paese. Alcuni sindaci hanno concesso il permesso ai loro concittadini di potere andare in Comuni diversi da quello di residenza per potere fare le compere per la casa. “Lo si può fare se questo avviene per risparmiare”. Si tratta di una interpretazione di quella che è la norma che vieta gli spostamenti, che per alcuni primi cittadini della Versilia si rende però necessaria.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Zona rossa regole, fare la spesa nei Comuni vicini si può

Non tutti possono trovare la convenienza alla quale erano abituati, nel convivere con un restringimento di quelle che sono le possibilità dei luoghi in cui potere fare la spesa. Gli stessi sindaci giustificano tale decisione con quanto riportato nella sezione F.A.Q (domane e risposte frequenti, n.d.r.) del sito del Ministero dell’Interno. Qui si parla della facoltà, qualora il proprio Comune di residenza non disponga di punti vendita ritenuti sufficientemente convenienti da un punto di vista economico, di rivolgersi ad analoghi esercizi commerciali posti però nelle località di immediata vicinanza. Non bisogna comunque superare un certo raggio e comunque vige l’obbligo di giustificare i propri movimenti mediante apposita autocertificazione.

Leggi anche –> Regioni, Lombardia e Piemonte vogliono la zona arancione