Vaccino Pfizer Biontech | la risposta a Moderna | ‘Efficace al 95%’ | FOTO

È testa a testa tra il vaccino Pfizer Biontech e quello Moderna per chi farà prima a mettere a punto un ritrovato contro il virus.

vaccino Pfizer Biontech efficace
Nuovo comunicato sul vaccino Pfizer Biontech efficace FOTO Getty Images

In un messaggio comparso su Twitter poco dopo le ore 13:00 di mercoledì 18 novembre 2020 è arrivata una notizia estremamente rilevante riguardo al vaccino Pfizer Biontech. Proprio Pfizer fa sapere, testuali parole: “siamo orgogliosi di annunciare, insieme a
@BioNTech_Group, che lo studio di Fase 3 del nostro candidato vaccino # COVID19 ha soddisfatto tutti gli endpoint primari di efficacia”.

Leggi anche –> CoronaVac: in arrivo il vaccino cinese “sicuro ed efficace” contro il virus

Una affermazione che attesta la bontà degli sforzi profusi in comune da parte della azienda biofarmaceutica statunitense e da quella tedesca in merito alla realizzazione di un progetto efficace per contrastare l’attuale pandemia in corso in tutto il mondo. Già nelle scorse ore proprio Pfizer aveva rilasciato una nuova dichiarazione che riguarda il progetto con Biontech. “Il nostro vaccino è efficace al 95%”. Pochi giorni fa sempre al vaccino Pfizer Biontech era stata accreditata una efficacia “di oltre il 90%“. A dirlo, sempre le due compagnie. Nel frattempo pure il vaccino Moderna ha fatto irruzione sulla scena con il suo “94,5% di efficacia registrato nei test”.

Leggi anche->Vaccino Covid, pronta bozza del Ministero: ecco chi lo riceverà subito

Vaccino Pfizer Biontech, una risposta alla rivale Moderna

Vaccino Pfizer Biontech, ora è sfida con Moderna

Questo 95% con il quale il vaccino Pfizer Biontech sembra fare da risposta ai rivali nella corsa alla realizzazione di un rimedio anti pandemia, riguarda la prevenzione di infezioni in tutti i soggetti. Soggetti sottoposti ad appositi test, di tutte le età e di tutte le condizioni, hanno fatto vedere risultati di risposta eccellenti e senza alcuno effetto collaterale. Su 170 persone appositamente analizzate, in 162 hanno sviluppato la malattia. Ma a tutti loro Pfizer Biontech aveva sottoposto un semplice placebo. Nei soli 8 rimasti immuni c’era invece il vaccino. Da qui la stima della percentuale del 95%. Anche se il numero di soggetti analizzato risulta comunque molto basso e ci sarà bisogno di ulteriori studi ed osservazioni.

Leggi anche –> Vaccino Covid, pronta bozza del Ministero: ecco chi lo riceverà subito