Vaccino Covid, pronta bozza del Ministero: ecco chi lo riceverà subito

Il Ministero della Salute ha già preparato la bozza del piano per la distribuzione del vaccino Covid: chi lo riceverà subito.

Vaccino Covid italiani

L’arrivo del vaccino Covid è previsto in prima istanza tra il mese di dicembre e quello di gennaio. Le prime dosi dovrebbero essere distribuite ad un milione e settecentomila persone, non è chiaro se il numero riguarda la prima inoculazione per ciascuno o la doppia inoculazione. In vista di questo primo step di immunizzazione della popolazione, il Ministero della Salute ha già preparato la bozza del piano di distribuzione.

Leggi anche ->Vaccino Covid, Remuzzi: “Ci proteggerà, ma il virus continuerà ad esistere”

A parlarne è stato oggi Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sul monitoraggio settimanale, spiegando: “Si sta perfezionando anche con una riflessione con le regioni, ma nei prossimi giorni il ministro ne darà conoscenza”. Le indicazioni contenute nel piano, ha precisato Rezza, sono esclusivamente di ordine medico. Per quanto riguarda la logistica e la distribuzione, il compito organizzativo è stato affidato al commissario Arcuri.

Leggi anche ->Vaccino Covid obbligatorio, la decisione in arrivo fa discutere

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Vaccino Covid: a chi andranno le prime dosi

La direttiva principale riguarda le categorie di persone che usufruiranno del vaccino con priorità. I primi a riceverlo sono i pazienti delle Rsa, seguiti dai malati cronici e dalle persone in età avanzata. Un altro criterio di scelta sarà il rischio di esposizione al contagio del virus, in base all’attività svolta.

Per quanto riguarda le problematiche di logistica e distribuzione, il presidente del Consiglio superiore di Sanità Franco Locatelli ha specificato: “C’è qualche problema per la catena del freddo per la distribuzione del vaccino Covid ma era noto ed il ministero non si è fatto trovare non pronto per questi aspetti di logistica. Adesso il lavoro che sarà svolto con Arcuri consentirà di poter avere un adeguato meccanismo di distribuzione tenendo presente che ci sono anche altri vaccini che stanno arrivando. Si investe su diverse piattaforme vaccinali per poter avere numeri piu larghi di vaccini disponibili”.