Arrestato per tentato furto, 32enne rischia di non uscire mai più di prigione

Un ragazzo, oggi 32enne, è stato arrestato per tentato furto quando aveva 17 anni e oggi rischia di non uscire più di prigione.

prigione

Danny Weatherson, questo il nome del ragazzo, oggi 32enne, che ha ormai passato metà della sua vita in prigione e rischia di non uscire più.

Leggi anche–> Chi è Valerio Guerrieri, morto suicida in carcere: la sua terribile storia

Quando aveva appena 17anni è stato arrestato e ora teme di non riavere più la sua libertà.

Danny ha paura di non uscire più di prigione

Quando Danny aveva appena 17 anni ed era ancora minorenne, ha tentato di rubare un telefono un cappotto con un gruppo di amici. Nonostante il fatto non sia stato compiuto fino in fondo e nessuno si sia fatto male, Danny aveva già una fedina penale sporca per piccoli reati minori ed è finito in tribunale.

Il giudice presente in quel momento aveva deciso che Danny avrebbe dovuto ottenre la pena detentiva per la pena di protezione pubblica, che ha un termine minimo di 15 mesi. Ma Danny non avrebbe potuto immaginare che in prigione ci sarebbe rimasto per metà della sua vita.

Leggi anche–> Aggressione in carcere | boss stacca a morsi dito ad agente e lo ingoia

La pena detentiva per la pena di protezione pubblica, nella giurisprudenza inglese IPP sentence (Imprisonment for Public Protection) è una forma di pena indeterminata, abolita nel 2012, pensata inizialmente per i reati minori. Il problema, comune a oltre 4000 detenuti nelle carceri inglesi, è che al momento dell’abolizione della legge, chi era già stato colpito della sentenza è rimasto in prigione per un tempo indeterminato.

E’ proprio quello che è successo a Danny, che oggi ha 32 anni e non sa quando e se riuscirà mai ad uscire dal carcere se non ottenendo un’udienza per la condizionale. Il giovane, a causa della lunghissima permanenza in carcere, ha sofferto di diversi disturbi mentali e ha tentato più volte il suicidio.

Leggi anche–> Uomo rilasciato dopo 28 anni in prigione: era accusato dell’omicidio di una bambina

Il papà di Danny, Maurice, ha cercato sempre di aiutare il figlio ad uscire di prigione e ora ha creato un fondo per tentare di ottenere un avvocato per i diritti umani e finalmente liberare suo figlio.