Covid, Abruzzo verso il lockdown: chiuse scuole e centri commerciali

A causa dell’alto numero dei contagi e della sofferenza della struttura sanitaria regionale, l’Abruzzo valuta il passaggio al lockdown.

Con le decisioni prese dal comitato tecnico-scientifico nel fine settimana appena concluso, in Italia sono rimaste solamente 4 regioni in zona gialla: Veneto, Sardegna, Lazio e Abruzzo. A queste va aggiunto il Trentino, che comunque si vede diviso in due visto che l’Alto Adige è zona rossa. Tra queste quattro la più vicina a diventare zona arancione è stata il Veneto, regione che ancora oggi non può dirsi sicura di riuscire a gestire la pandemia senza dover ricorrere ad ulteriori misure restrittive.

Leggi anche ->Scuole chiuse, l’allarme di Miozzo: “Qui la vera emergenza, vanno riaperte”

Nei prossimi giorni potrebbe proclamarsi zona rossa l’Abruzzo. La regione del centro Italia, infatti, ha visto un improvvisa impennata di casi ed il comitato tecnico-scientifico regionale ha proposto al governatore un lockdown per controllare la diffusione dei contagi. Una decisione che Marco Marsilio sta valutando con la sua giunta e che non è stata per nulla esclusa. Intanto il consiglio regionale sta per approvare misure più restrittive: tra martedì e mercoledì entrerà in vigore un’ordinanza con la quale verranno chiuse le scuole ed i centri commerciali fino al 3 dicembre.

Leggi anche ->Coronavirus: in Abruzzo arriva la prima zona rossa – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Abruzzo verso il lockdown generalizzato

Intervistato da ‘Adn Kronos‘ sulla possibilità che tutto l’Abruzzo diventi zona rossa, il governatore Marsilio ha risposto: “Abruzzo in zona rossa? Si tratta di una proposta che ci ha fatto oggi il nostro comitato tecnico scientifico, che stiamo discutendo e valutando. Domani ci consulteremo con gli enti locali, con tutte le altre componenti dell’Abruzzo e faremo le nostre valutazioni. Completeremo i passaggi con il consiglio regionale e decideremo“. Insomma la chiusura di tutte le attività lavorative considerate non necessarie, dunque, è tutt’altro che un ipotesi lontana. Non è escluso nemmeno che in base ai dati, sia poi il governo centrale a prendere una simile decisione entro il prossimo fine settimana.

Gestione cookie