Amici 2020, chi è Giulio Musca: età, storia, foto e vita privata

Sabato scorso Giulio Musca è entrato ufficialmente nella scuola di Amici 20. Vediamo chi è il concorrente che si è conquistato un banco. 

Giulio Musca ha 26 anni, è un cantautore e vive in Puglia con i suoi genitori, lavorando in una concessionaria per veicoli industriali. Ad “Amici 20” ha presentato un suo pezzo inedito.

LEGGI ANCHE -> Amici 2020, chi è Aka7even: il vero nome è Luca Marzano

LEGGI ANCHE -> Amici 2020, chi è Esa Abrate: età, storia, foto e vita privata

Per Giulio Musca il percorso ad “Amici 20” di Maria De Filippi è iniziato ufficialmente sabato 14 novembre. Ha presentato al programma un pezzo inedito e non ha guadagnato il favore di tutti i professori all’interno del programma, infatti Rudy Zerbi e Anna Pettinelli hanno abbastato la leva durante la sua performance. A dare il nulla osta che gli ha concesso un banco è stata, però, Arisa. La cantante è una new entry tra i professori della scuola e andrà a sostituire Stash.

LEGGI ANCHE -> Amici 2020, chi è Federica La Rocca: età, storia, foto, Instagram

Amici 20, le novità della ventesima edizione

Da oggi su Italia 1, dalle ore 19 i fans di “Amici 20” potranno seguire la formazione finale della classe, per scoprire da chi sarà composta la nuova edizione del programma, che ha raggiunto i vent’anni. L’emergenza Covid ha fatto si che la produzione dovesse effettuare delle modifiche sull’organizzazione generale: i ragazzi vivranno 24 ore su 24 negli studi Titanius Elios di Roma e saranno sottoposti regolarmente ai tamponi molecolari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Tra le altre novità di questa edizione, sarà presente l’icona del mondo dello spettacolo Lorella Cuccarini come professoressa di ballo. Per quanto riguarda Giulio Musca, ammesso ad “Amici 20” durante la prima puntata, Maria De Filippi, presentandolo ha detto che: “Fa fatica a descriversi come artista perché dice ‘La mia musica sono io e parla di me’. Canta un suo pezzo“. Arisa, al contrario di altri professori, lo ha apprezzato molto: “A vederti vis a vis mi trasmetti un tormento, un’instabilità, una urgenza e quindi io lo prendo“.