Amici 2020, chi è Esa Abrate: età, storia, foto e vita privata

Esa Abrate è un nuovo concorrente dell’edizione 2020 di Amici. Scopriamo insieme chi è e quali sono le sue passioni.

Il giovane ha 22 anni ed è diplomato al Liceo Musicale Cavour. Ha studiato anche al Conservatorio Verdi e tra le esperienze che arricchiscono il suo curriculum c’è anche quella di direttore d’orchestra per la Pequenas Huellas. Quest’ultima è un’orchestra internazionale per la pace e la fratellanza. Possiamo ben capire che nonostante sia giovanissimo, ha già alle spalle delle esperienze degne di nota.

Leggi anche -> Amici 2020, chi è Leonardo Lamacchia: lo abbiamo già visto a Sanremo

La sua partecipazione al programma di Amici può considerarsi l’ennesimo successo di questo ragazzo. Nonostante abbia avuto diversi riconoscimenti e successi, la sua infanzia è anche segnata da periodi bui, ma ad alleviare le difficoltà c’è sempre stata la musica.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ESA ABRATE (@esa.abrate)

Leggi anche -> Che fine ha fatto Anbeta Toromani: era una famosa ballerina di Amici

Esa Abrate, nonostante l’infanzia difficile non ha mai abbandonata il canto e la musica

La vita di Esa Abrate cela un passato molto difficile. Il ragazzo è nato in Francia da genitori africani. Sfortunatamente rimane orfano di madre a tre anni e quando ha compiuto sette anni, gli assistenti sociali tolgono la sua tutela al padre. Finisce in istituto e poi in una casa famiglia. Nonostante questo periodo molto duro, viene adottato da una famiglia di Rivoli. Ciò che però l’ha sempre accompagnato e mai abbandonato sono stati il canto e la musica. Sarà proprio grazie alla sua famiglia adottiva che potrà coltivare questa sua passione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ESA ABRATE (@esa.abrate)

Suo padre racconta che “canta sempre, ci diceva che aveva sempre la musica in testa e cantava sempre”. Da quel momento inizia un percorso di studi dedicato allo studio della musica e che lo porterà a incontrare l’orchestra giovanile torinese “Pequenas huellas” di Sabina Colonna-Preti. Essa propone una serie di progetti per avvicinare bambini e ragazzi ai temi della pace e della solidarietà e per il diritto a un’infanzia felice. In tutto ciò, la storia di Esa sembra aver preso una piega completamente diversa da quella iniziale. “La musica è sempre stata la mia passione, ma fino a due anni fa non pensavo per nulla alla direzione d’orchestra. Poi sono andato a uno stage con i ragazzi di ‘Pequenas huellas’ e mi è scattato dentro qualcosa. La decisione finale l’ho preso quando, a Roma, ho visto dirigere la Quinta di Beethoven. Lì ho capito che questa doveva essere la mia strada”, ha detto il giovane.

Leggi anche -> Amici 2020, chi è Sangiovanni, il suo vero nome è Giovanni Pietro Damian