Stefano D’Orazio, la moglie Tiziana fa nuove rivelazioni sulla malattia

La moglie di Stefano D’Orazio, Tiziana, ha fatto delle nuove rivelazioni circa la malattia di cui soffriva suo marito, scomparso da poco. 

Tiziana Giardoni, la moglie del batterista dei Pooh scomparso recentemente, Stefano D’Orazio, ha rilasciato un’intervista al settimanale Di Più. La donna ha sposato D’Orazio nel 2017 ed ha voluto raccontare gli ultimi momenti di vita del marito e di come il Coronavirus abbia influito sulla sua salute.

LEGGI ANCHE -> Dodi Battaglia racconta gli ultimi giorni di Stefano D’Orazio

LEGGI ANCHE -> Stefano D’Orazio, la moglie Tiziana: “La notte terribile nella quale è morto”

Secondo quanto rivelato da Tiziana Giardoni, il marito soffriva da anni di una malattia e stava testando una nuova cura sperimentale, quando il Coronavirus ha influito negativamente sulla sua salute. Stefano D’Orazio aveva dei problemi al sistema immunitario e le sue difese immunitarie erano molto compromesse ed era a rischio per qualsiasi tipo di infezione. Grazie ai medici di Siena era stata trovata una cura e, secondo sua moglie, l’artista “si stava riprendendo“. Nelle settimane precedenti al decesso, infatti, era in grado di fare degli esercizi mattutini e di fare le scale del suo palazzo. Poi è arrivato il declino: “Una notte gli è venuta la febbre altissima: era il Covid. Non ho idea di come lo abbia preso: non usciva mai di casa perché aveva le difese immunitarie basse. Glielo avrò passato io: ogni tanto uscivo perché avevo delle cose da fare. Ma il mio tampone è negativo

LEGGI ANCHE -> Stefano D’Orazio, Emanuela Folliero: “Il giorno prima che morisse io…”

Stefano D’Orazio, morto da solo senza la moglie

Quando Stefano D’Orazio è stato trasportato d’urgenza in ospedale, a Tiziana è stato impedito di salire con lui per ragioni di sicurezza: “Non gli ho potuto fare una carezza, non ho più potuto fare nulla per lui“, ha ammesso con tristezza. I due erano in grado di tenersi in contatto esclusivamente telefonicamente, ma da quando l’artista è stato ricoverato, non si sono più visti. “Se ne è andato da solo. E, anche dopo che se n’è andato, non ho potuto vederlo. L’ho chiesto, ho detto che avrei fatto qualsiasi cosa, che mi sarei bardata in tutti i modi possibili pur di vederlo, ma non c’è stato nulla da fare. Hanno detto che era una questione di sicurezza. È crudele tutto ciò“, ha confidato a Di Più la Giardoni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

Ora sua moglie vuole che venga pubblicato l’ultimo lavoro di Stefano: un romanzo intitolato “Tsunami“. Il batterista dei Pooh si era dedicato ultimamente anche alla scrittura di un musical, “Parsifal“, e stava lavorando ad un documentario per raccontare la storia del gruppo. “Stefano mi ha regalato la favola: era il mio principe azzurro. Io sono felice e orgogliosa di aver fatto parte della vita di un uomo meraviglioso come Stefano“, queste le parole di Tiziana Giardoni per l’amore della sua vita, con il quale era legata dal 2007.

Red Canzian