Nuovo lockdown | i medici italiani | ‘Ospedali saturi | va fatto subito’

La maggior parte degli esponenti della comunità medica italiana esprime con unanimità il bisogno di un nuovo lockdown: “Situazione drammatica”.

nuovo lockdown medici contagi
Per i medici italiani c’è bisogno assolutamente di un nuovo lockdown FOTO Getty Images

Un nuovo lockdown è assolutamente necessario. E ad affermarlo è Filippo Anelli, che ricopre la carica di presidente della Federazione degli Ordini dei Medici. Lui è uno dei tanti professionisti facenti parti per l’appunto della comunità medica in Italia a richiedere l’istituzione di un periodo di fermo totale.

Leggi anche –> Monza, gli ospedali sono al collasso: “Ora Codogno siamo noi”

Il motivo è da ricercare nel sovraffollamento che gli ospedali stanno vivendo ancora una volta, ma in tutta Italia orma, e non solo in Lombardia e Veneto come era accaduto nello scorso periodo primaverile. La saturazione di ospedali e strutture sanitarie è già in atto da giorni e questo toglie energie, risorse e posti letto ai malati alle prese con altre patologie gravi che non siano il virus. Forse si agirà proprio con un nuovo lockdown qualora la curva dei contagi non dovesse abbassarsi. Diversi organi di stampa fanno sapere che il Governo potrebbe attuare una nuova chiusura generale come quella ordinata nello scorso mese di marzo, come extrema ratio per fare fronte al numero dei nuovi infetti, che ogni giorno mostra numeri sempre più preoccupanti. Contestualmente anche le vittime sono ora molte. Ed è così già da alcune settimane.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> L’Iss lancia l’allarme: “Rischio di epidemia non controllata e non gestibile”

Nuovo lockdown, i medici italiani insistono: “Bisogna attuarlo ormai”

Secondo gli esperti, novembre sarà un mese nerissimo, poi il picco dovrebbe manifestarsi entro la metà di dicembre. Ma con le misure restrittive messe in atto dopo il nuovo Dpcm annunciato lo scorso 3 novembre, dopo di allora dovrebbe avvenire una mitigazione di quella che è la curva dei contagi. Certo è che adesso gli ospedali stanno vivendo una situazione drammatica, con richieste di ricovero in eccesso rispetto a quella che è la effettiva disponibilità. Una cosa ribadita pure dal dottor Salvatore Manca, presidente della Società Italiana Medicina di Emergenza-Urgenza. “La seconda ondata era prevedibile ma è stata fatta una cattiva programmazione”.

Leggi anche –> Coronavirus, zona arancione: aumento delle restrizioni in 5 Regioni

Report: “Pressioni per tenere aperte le discoteche in estate”

Intanto la trasmissione ‘Report’ di Rai 3 ha parlato della controversa decisione di tenere aperte le discoteche in estate. Luoghi che hanno contribuito ad alimentare i contagi. “Sono rimaste aperte per pressioni politiche. I gestori dei locali avevano stipulato contratti con famosi dj ed in caso di annullamento avrebbero dovuto pagare penali pesantissime. Sapevano che c’era il contagio, ma hanno preferito i soldi alla salute”. Sono parole rilasciate prima della messa in onda della puntata del 9 novembre dal conduttore Sigfrido Ranucci alla trasmissione di Rai Radio 1 ‘Italia Sotto Inchiesta’, condotta da Emanuela Falcetti.

Leggi anche –> Lockdown | Galli | ‘I medici seri premono per l’attuazione’