Home News Rimandato il Dpcm, clamorosa decisione del governo

Rimandato il Dpcm, clamorosa decisione del governo

Il nuovo Dpcm sarà in vigore da venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre. E per stasera sono attese le comunicazioni del premier Giuseppe Conte. 

contagi oggi nuovo Dpcm

Il tanto atteso nuovo Dpcm sulle misure restrittive per contenere il contagio da Coronavirus, già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, avrà validità dal prossimo venerdì 6 novembre fino al 3 dicembre. Un ulteriore rinvio, dunque, sulla tabella di marcia annunciata e prevista.

Leggi anche –> Conte diretta Conferenza stampa: nuovo DPCM Coronavirus – VIDEO

Tutte le nuove misure previste dall’ultimo Dpcm – quelle riservate alle aree gialle, arancioni e rosse – entreranno in vigore a partire da dopodomani. E’ quanto ha deciso il governo per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività limitando il più possibile i disagi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Spostamenti e viaggi, cosa cambia con il dpcm

Il nuovo Dpcm sulle misure restrittive per contenere il contagio da Coronavirus

Per quanto riguarda i contenuti, il Dpcm mantiene sostanzialmente l’impianto della bozza circolata nel pomeriggio di ieri: l’unica novità è la possibilità per i parrucchieri di rimanere aperti anche nelle regioni che saranno classificate come “zone rosse”, cioè quelle con le maggiori restrizioni. Il nuovo decreto, in formato world e Pdf, è già stato pubblicato anche sul sito del governo.

Quanto all’impianto del provvedimento, sono previste misure uguali per tutto il territorio nazionale come la limitazione agli spostamenti serali che scatta dalle 22 alle 5 del mattino e la didattica a distanza per le scuole superiori, oltre a norme regionali che saranno calibrate a seconda dell’indice dei contagi e della tenuta del sistema sanitario, a partire dai posti disponibili nelle terapie intensive.

Leggi anche –> Firmato il nuovo Dpcm: tutte le misure valide fino al 3 dicembre

Leggi anche –> Dpcm, cosa cambia per le scuole: chiusure e nuove norme

EDS