Coronavirus, i contagi salgono oltre quota 30mila in un giorno

La situazione Coronavirus in Italia è davvero allarmante, i contagi salgono oltre quota 30mila in un giorno, 200mila in una settimana.

(ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)

30.550 nuovi contagi con 211.821 tamponi, 352 morti conteggiati in 24 ore, appena uno in meno rispetto a ieri. Il contagio da Coronavirus in Italia non sembra dare tregua. Tra il fine settimana e i primi giorni della successiva, si assiste infatti a un leggero calo, ma che è legato alla diminuzione dei tamponi.

Leggi anche: Coronavirus, allarme per le terapie intensive: “Superata la soglia critica”

Negli ultimi sette giorni, sono oltre 200mila i contagi nel nostro Paese, esattamente 200.613, che significano 28.659 al giorno in media. 1859 sono invece le persone morte, con una media decessi di 265 persone al giorno. Dati che non sono certo rassicuranti, se poi a questi si sommano le terapie intensive.

Leggi anche –> Alberto Matano lasciato solo: sono andati tutti a casa per il Coronavirus

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Contagi in Italia: quali sono le Regioni più colpite

Rispetto al boom di ieri, oggi il rialzo delle persone ricoverate in terapia intensiva è stato più lieve: 2.292 sono in tutto le persone ricoverate in maniera più seria, ieri erano 2.225, ovvero 67 in meno. Il dato più allarmante resta quello della Lombardia: 7.758 nuovi contagi, 96 morti, 507 pazienti ricoverati in terapia intensiva. Al secondo posto c’è di gran lunga la Campania, che supera un’altra soglia, quella dei 4mila contagi e oggi sono 4.181 i nuovi positivi, mentre in Piemonte salgono e sono 3.577, oltre 400 in più.

Tra le Regioni che hanno meno contagi, si sottolinea il balzo in avanti della Basilicata, che conta oggi ben 224 nuovi positivi. Gli fa da contraltare il dato del Molise: oggi il numero di nuovi positivi in Regione è 26. Sono oltre 10 milioni i casi testati, i tamponi effettuati superano i 16 milioni e i casi totali si avvicinano a quota 800mila, dei quali ormai oltre un terzo sono quelli che provengono da azione di screening.