Grand route Italia: il portale dei parchi e giardini più belli

Grand route Italia: il portale dei parchi e giardini da visitare. I luoghi bellissimi del nostro territorio.

grand route italia giardini
Villa Peyron (Foto di Sailko, CC BY 3.0, Wikimedia Commons)

Un portale tutto dedicato ai giardini e parchi italiani, autentiche meraviglie disseminate sul nostro territorio. Si chiama “Grand route Italia” ed è stato realizzato da Associazione parchi e giardini d’Italia in collaborazione con il Mibact per promuovere oltre 200 giardini italiani e 30 itinerari.

Il portale raccoglie gallerie fotografiche, informazioni, descrizioni e link ai siti dei giardini italiani più belli, tra ville storiche, castelli e borghi. Un patrimonio paesaggistico e culturale di immenso valore.

Leggi anche –> Giardini e parchi vicino casa: meraviglie d’Italia da riscoprire

Grand route Italia: il portale dei parchi e giardini da visitare

Le limitazioni agli spostamenti e le nuove chiusure, purtroppo anche di mostre e musei, non ci impediscono, almeno ancora, di stare all’aria aperta per fare una passeggiata e ammirare le meraviglie del nostro paesaggio. Che sia mare, collina, pianura, montagna, lago, campagna coltivata o bosco, il territorio italiano ha una ricchezza eccezionale. Accanto alla varietà del paesaggio, sempre pronto a sorprenderci, abbiamo un patrimonio storico culturale e artistico straordinario che nelle bellezze del paesaggio si inserisce armonicamente.

Con il nuovo portale “Grand route Italia” si vuole far conoscere questa ricchezza, da proteggere e promuovere allo stesso tempo. Presso i turisti, certo, ma anche presso i cittadini per renderli maggiormente consapevoli delle bellezze che spesso si trovano a due passi da casa.

L’obiettivo del progetto è far diventare il portale di diventare “la guida ufficiale dei giardini italiani, un invito al viaggio attraverso il tempo e lo spazio. Dal Rinascimento al mondo contemporaneo, i giardini italiani offrono una straordinaria testimonianza della bellezza, della storia e dell’autenticità dei luoghi in cui sono stati creati”, ha spiegato la sottosegretaria al Turismo del Mibact, Lorenza Bonaccorsi.

“Grand route Italia” presenta più di 200 parchi e giardini, con i relativi siti web e tutte le informazioni, insieme a 30 itinerari da percorrere. Dei pop up contengono tutte le indicazioni utili su come raggiungere i luoghi e segnaleranno le possibilità di soggiorno in zona. Nel tempo i contenuti del portale si arricchiranno di nuove sezioni. Verrà creata anche una versione in inglese, per rendere la fruizione internazionale.

Il nuovo portale è stato realizzato da Apgi, Associazione parchi e giardini d’Italia, in collaborazione con Ales S.p.A (società in house del Mibact per attività di supporto alla conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale) e con il sostegno del Mibact. Inoltre, si inserisce in un più ampio progetto per la valorizzazione del patrimonio verde italiano, che è un settore in grande crescita.

Un obiettivo che va di pari passo con la valorizzazione del patrimonio monumentale e architettonico, insieme a quella delle dimore storiche.

Giardino Bardini, Firenze (iStock)

I giardini

I parchi e giardini presenti sul portale “Grand route Italia” sono per 2/3 normalmente aperti al pubblico, mentre soltanto 1/3 apre su appuntamento o in occasione di eventi. La maggior parte, inoltre, circa il 70%, ha un proprio sito web ufficiale e propone visite guidate.

I giardini si trovano all’interno di ville storiche,ma anche di castelli o sono circondati da borghi suggestivi, il più famoso di questo genere è senz’altro il Giardino di Ninfa, a Cisterna di Latina. Si tratta di un giardino privato che apre in date prestabilite, su appuntamento, dalla primavera all’autunno. Il giardino sorge all’interno di un borgo medievale diroccato. Un luogo da fiaba.

Il portale “Grand route Italia” segnala altre meraviglie, come Villa Peyron nel Bosco di Fontelucente, a Fiesole (Firenze), il Giardino Bardini, sempre sulle colline intorno a Firenze, il Castello di Solfagnano con il suo parco, a Perugia, Giardino Esotico Pallanca a Bordighera (Imperia), Villa Borghese e Villa Doria Pamphilj a Roma, il Giardino Orto botanico di Pisa, Villa San Cataldo a Bagheria (Palermo), Villa Verdi a Sant’Agata di Villanova (Piacenza), il Castello di Grazzano Visconti (Piacenza), il Castello del Buonconsiglio a Trento, i Giardini di Castel Trauttmansdorff a Merano, Villa Caprile e Villa Imperiale a Pesaro, il Giardino Botanico Lama degli Ulivi a Monopoli (Bari). E tanti altri.

Gli itinerari di “Grand route Italia” propongono visite in base alle caratteristiche dei luoghi, mare, laghi, varietà botaniche, o secondo percorsi tematici di carattere storico e culturale.

Il sito web ufficiale: www.gardenrouteitalia.it

Ricordiamo, infine, che molti di questi giardini si possono visitare con i treni regionali, grazie all’offerta del Travel Book di Trenitalia Grandi Giardini Italiani.

Giardino di Ninfa, Cisterna di Latina (iStock)