Emergenza sanitaria | a Milano stop a cremazione per non residenti

Niente più cremazione per le salme di chi non risiede a Milano. La dolorosa scelta presa da Sala dettata dalla attuale emergenza sanitaria.

Emergenza sanitaria crematorio Lambrate
Pr l’emergenza sanitaria stop al crematorio di Lambrate ai non residenti a Milano Foto dal web

Milano sta vivendo una emergenza sanitaria di manzoniana memoria. Purtroppo però non siamo in un romanzo storico ma in quella che è la attuale, difficilissima realtà. Ci sono troppi morti a causa della pandemia nel capoluogo lombardo.

LEGGI ANCHE –> Seconda ondata | le previsioni nerissime del Gimbe | ‘Sarà un massacro’

Il numero spaventosamente alto che si registra di giorno in giorno ha spinto il Comune ad emanare una ordinanza molto controversa, ma che si rende purtroppo necessaria. Infatti il sindaco Beppe Sala ha disposto per il divieto di cremazione per le salme dei defunti non residenti in città. Questo perché il crematorio di Lambrate è saturo e da giovedì 5 novembre sarà riservato ai soli abitanti di Milano. L’emergenza sanitaria è sotto gli occhi di tutti. Anche se una persona è scomparsa mentre si trovava al di fuori del territorio comunale, se in vita risultava essere residente in città allora tale divieto non sarà esecutivo e si potrà procedere con la cremazione del corpo. Ma per i non residenti la struttura di Lambrate non sarà più accessibile.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

LEGGI ANCHE –> Morti oggi | Tullio tra le vittime del virus | i suoi messaggi aprono gli occhi

Emergenza sanitaria, Milano vieta il crematorio di Lambrate ai non residenti: “Troppi morti”

La cifra di decessi quotidiani all’interno del territorio del capoluogo ammontava a 46 al giorno, ma nel giro delle scorse settimane è aumentato fino quasi a raddoppiare, superando quota 80. Per impedire che il crematorio di Lambrate finisse definitivamente al collasso, Sala ha dovuto emanare l’ordinanza di cui sopra. Infatti l’emergenza sanitaria in atto aveva cominciato a farsi sentire in quelle che erano le normali procedure di cremazione dei feretri con cadaveri annessi. La capacità operativa risulta sotto grosso sforzo già da svariati giorni. Sempre in base a tale ordinanza si apprende poi che per una sepoltura nei cimiteri cittadini riguardo ai non residenti non è prevista alcuna cifra da versare.

LEGGI ANCHE –> Mappa regioni: quali saranno in zona rossa, arancione e verde?