Mamma positiva al covid organizza una festa: morta una nonna

Una mamma con la febbre ha organizzato la festa di compleanno per la figlia. A seguito del festeggiamento la nonna di una delle bimbe è morta.

Il Messaggero ha riportato un caso di decesso per Coronavirus avvenuto nel Lazio in seguito al mancato rispetto di una norma basilare da quasi un anno a questa parte. La donna deceduta è una donna anziana, la nonna di una bimba che ha accompagnato la nipote ad una festa di compleanno organizzata dalla mamma di una compagna di classe.

Leggi anche ->Coronavirus, Mentana: “Lockdown inevitabile, non nascondiamo la verità”

Secondo quanto rivelato dal quotidiano, infatti, l’organizzatrice della festa in quei giorni aveva la febbre, ma ha deciso di organizzare l’evento in ogni caso. In base alle norme stabilite dal governo durante questa pandemia, chiunque presenti uno stato febbrile deve rimanere in casa e contattare il medico di base per sottoporsi ad un tampone. La donna, però, non l’ha fatto ed ha partecipato attivamente al festeggiamento.

Leggi anche ->Tampone | test possibili anche negli studi medici | pronte 2 mln di unità

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma positiva al Covid organizza una festa per la figlia: morta una donna anziana

Dato lo stato febbrile, c’erano buone possibilità che la mamma avesse contratto il covid e così era, visto che il tampone ha successivamente dato esito positivo. La decisione della donna è stata dunque incosciente ed ha messo in pericolo tutti i partecipanti all’evento. Il risultato è stato che durante il festeggiamento per la figlia, una donna anziana ha contratto il coronavirus e le sue condizioni sono peggiorate drasticamente in poco tempo. Nonostante i tentativi dei medici, la nonna è deceduta in ospedale.

Questo episodio ci dimostra come il divieto di organizzare feste e di partecipare alla vita sociale imposti dal governo siano delle misure necessarie. In primo luogo perché al momento non è possibile stabilire quale attività sia sicura e quale no, in secondo luogo perché non tutti hanno capito l’importanza di seguire le regole per evitare di contagiare gli altri.