Coronavirus, Mentana: “Lockdown inevitabile, non nascondiamo la verità”

Parlando dell’attuale situazione, Enrico Mentana scrive che, osservando cosa accade in Europa, il lockdown sembra inevitabile.

Abbiamo vissuto dei giorni complessi da tutti i punti di vista. Da un lato ci sono i dati sui contagi e le terapie intensive che mostrano un costante aumento, dall’altro ci sono i lavoratori esasperati per una situazione che mette a rischio il loro sostentamento. Il premier ha spiegato che le misure implementate nel discusso dpcm servono ad evitare un lockdown che economicamente sarebbe dannoso per il Paese, ed ha anche già predisposto una serie di indennità per le categorie di lavoratori maggiormente colpite dalla situazione.

Leggi anche ->Tampone | test possibili anche negli studi medici | pronte 2 mln di unità

Analizzando la situazione e paragonandola a quella dei principali Paesi europei, il direttore del Tg7 Enrico Mentana ritiene che con queste misure il lockdown nazionale sia solo rimandato. In un post pubblicato su Facebook questa mattina, il noto giornalista dice chiaramente come la pensa a riguardo: “Nessuno lo vuole, tutti dicono che darebbe la mazzata definitiva al paese. Ma nell’ambito governativo e parlamentare non c’è chi non sappia che stiamo andando dritti verso il lockdown”.

Leggi anche ->Decreto Ristori, Conte: “Gli italiani per bene non possono condividere le violenze”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coronavirus, Mentana: “Sarebbe bene anche in Italia parlare il linguaggio della verità”

 

Per avvalorare la propria opinione, Mentana illustra ciò che sta succedendo nei principali Paesi europei: “Del resto Macron lo proclamerà già stasera, la Merkel lo proporrà oggi al governo, in Gran Bretagna stamane il Guardian lo indica come inevitabile conseguenza dell’attuale trend, citando gli scienziati”. Il direttore del Tg7, spiega inoltre come in tutti questi Paesi la seconda ondata si sia presentata più forte della prima e come, a differenza della scorsa primavera, non ci sono state zone franche.

In considerazione di quanto detto, Mentana poi scrive: “E allora sarebbe bene anche in Italia parlare il linguaggio della verità, e spiegare da subito che mettere un paese in coma farmacologico per alcune settimane può essere l’unica strada per evitare una catastrofe sanitaria ben peggiore”. In conclusione lancia un invito al governo a mettere a corrente della reale situazione tutta l’opinione pubblica: “L’opinione pubblica è composta dai cittadini, cioè gli elettori di chi decide, non da bambini a cui bisogna nascondere la realtà della situazione”.