Tampone | test possibili anche negli studi medici | pronte 2 mln di unità

Oltre a laboratori privati e drive-in, il tampone potrà essere svolto anche dal nostro medico di base. Raggiunto un importante accordo.

tampone medici
Il tampone potrà essere svolto anche negli studi dei medici di base FOTO Getty Images

Anche i medici di base potranno effettuare il test del tampone. Questo è il risultato di una serie di recenti incontri che i rappresentanti di categoria hanno avuto con il Governo. Bisogna soltanto mettere nero su bianco, ma presto sarà possibile verificare la eventuale positività al virus anche recandosi nello studio del proprio dottore curante, oltre ai laboratori privati ed ai drive-in. Che vedono tra l’altro un flusso costante di persone, con code della durata di ore ed ore.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, positivo Rocco Siffredi con tutta la sua famiglia

Ma il tampone dal medico di base risulterà essere del tutto gratuito. Si tratterà di quello cosiddetto ‘veloce’ e verrà reso disponibile dal Servizio Sanitario Nazionale. Per ciascun test effettuato invece, ogni medico guadagnerà 18 euro se il tutto verrà svolto nel proprio studio, 12 euro se invece sarà effettuato in una struttura Asl. Il governo ha messo da parte una cifra di 30 milioni di euro per l’acquisto di 2 milioni di tamponi che verranno assegnati a 53mila medici di base entro la fine di questo mese di dicembre.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Racconto choc di un’infermiera: “Ecco perché ho tentato il suicidio”

Tampone, il test negli studi medici alleggerirà il carico degli ospedali

Questo dovrebbe contribuire anche ad alleggerire il carico che ospedali e strutture sanitarie di ricovero hanno cominciato ad affrontare già da diversi giorni. E sarà utile anche per individuare in breve tempo i soggetti positivi asintomatici. Uno dei temi di discussione che divideva le categorie che hanno preso parte al dibattito era dovuto alla obbligatorietà per i medici di medicina generale di svolgere i tamponi rapidi. Questo aspetto invece sarà legato alla volontarietà. Così come non spetterà a loro il farsi carico delle spese relative. Sarà tutto appannaggio del SSN.

LEGGI ANCHE –> Il bollettino di ieri in Italia: 22mila positivi e oltre 200 morti in 24 ore