Jo Squillo in diretta tv: “Avevo predetto il Coronavirus” – VIDEO

La cantante Jo Squillo in diretta tv nella puntata odierna di “Oggi è un altro giorno”: “Avevo predetto il Coronavirus”.

(screenshot video)

Si è raccontata nel corso della puntata odierna di “Oggi è un altro giorno” la nota cantante Jo Squillo, che dopo gli inizi punk con la Kandeggina Gang e il passaggio alla new wave, è diventata celebre nel 1991 grazie al suo duetto con Sabrina Salerno. Le due parteciparono infatti a Sanremo con “Siamo donne”, un brano divenuto ormai il suo manifesto.

Leggi anche –> Jo Squillo: chi è Gianni Muciaccia, marito della cantante e musicista

Appena due anni prima, era uscito per il disco di Jo Squillo “Terra Magica”, presentato a Sanremo Rock. Nella trasmissione condotta da Serena Bortone, oggi è stato rilanciato il video della sua esibizione live al concorso canoro. La cantante mette in piedi una coreografia in cui sono tutti con delle mascherine addosso.

Leggi anche –> Chi è Jo Squillo: età, carriera e vita privata della cantante esperta di moda

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il ritorno di Jo Squillo in tv e il suo racconto sul Coronavirus

“Quando avevo immaginato il Covid”, è la didascalia che appare in trasmissione mentre scorrono le immagini e Jo Squillo successivamente racconta di come era nata l’idea di presentarsi in televisione conciati in quel modo. Una curiosità: nel disco “Terra Magica”, è presente un particolarissimo omaggio della cantante a Demetrio Stratos, compianto leader degli Area. Si tratta di una nuova versione del brano più conosciuto della band, ovvero “Luglio, agosto, settembre (nero)”.

Nei mesi del lockdown Coronavirus, la cantante è stata molto attiva sui social e in particolare su Instagram, con le rubriche in diretta “Jo in the house” e “Jo Squillo live show”. Proprio nel corso della trasmissione di oggi di Raiuno sono arrivati diversi messaggi su Twitter e uno di questi era un invito ironico all’artista a prepararsi a riprendere con le dirette. Anche se da ironizzare e fare sarcasmo c’è davvero ben poco.