Autocertificazione Coronavirus: coprifuoco Lombardia, come funziona

Nuova autocertificazione per gli spostamenti in base a norme Coronavirus: coprifuoco in Lombardia, come funziona.

(MIGUEL MEDINA/AFP via Getty Images)

Come noto, da domani giovedì 22 ottobre parte la cosiddetta Fase del Coprifuoco in Lombardia legata all’Emergenza Coronavirus. Saranno possibili spostamenti in base a nuove regole e ci saranno delle restrizioni nelle misure di contingentamento domestico. Il governatore Attilio Fontana ha disposto per l’introduzione di misure restringenti. Questo dopo che si è raggiunta una media di circa 2mila nuovi contagi al giorno, con picco di oltre 4mila oggi.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Lombardia | Fontana dispone il coprifuoco fino a novembre

La nuova ordinanza che è stata firmata in Lombardia in queste ore impone il coprifuoco dalle ore 23:00 alle ore 05:00 del giorno successivo, per ogni notte, fino al prossimo 13 novembre. Questo vuol dire che in quelle ore si tornerà a un vero e proprio lockdown, come accaduto tra marzo e aprile di quest’anno.

LEGGI ANCHE –> Arcuri | ‘Raddoppieremo i tamponi | la scuola è il posto più sicuro’

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Come funziona la nuova autocertificazione in Lombardia per coprifuoco Coronavirus

Saranno insomma pochissime le possibilità che si avranno di uscire di casa a partire da domani sera e per tre settimane circa, nella speranza che la curva dei contagi si stabilizzi e non continui a crescere. Si tratta dei motivi già presenti in autocertificazione nei mesi scorsi, ovvero salute, lavoro o motivi di comprovata urgenza. In Lombardia, l’ordinanza è stata firmata oggi anche dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Medesime o simili misure sono state introdotte anche in Campania e riguardano soprattutto gli spostamenti tra province della stessa Regione.

L’autocertificazione viene sempre redatta “sotto personale  responsabilità, ai sensi del DPR 445/2000”, in base alle norme amministrazione che disciplinano “la produzione di atti e documenti agli organi della pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi, nei rapporti tra loro e in quelli con l’utenza e ai privati che vi consentono”. Andranno indicati in autocertificazione i dati anagrafici, il proprio domicilio e le ragioni dello spostamento. Andrà anche chiarito che non si è sottoposti a isolamento o quarantena.