Omicidio Lecce | ‘De Marco con istinti omicidi voleva colpire in ospedale’

Dettagli omicidio Lecce, il killer Antonio De Marco, dopo avere assassinato De Santis e la fidanzata, avrebbe pensato anche ad altro.

Omicidio Lecce Antonio De Marco
Omicidio Lecce Antonio De Marco Foto dal web

Il caso dell’omicidio Lecce avvenuto tre settimane fa, con l’efferato assassinio di Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, si era chiuso nel giro di pochi giorni con l’arresto del killer. Come ormai noto, si tratta del 21enne Antonio De Marco, studente di scienze infermieristiche, che le forze dell’ordine erano riuscite ad intercettare in ospedale dopo alcuni giorni di pedinamento e di intercettazioni.

LEGGI ANCHE –> Omicidio di Lecce, Antonio ballava ad una festa dopo il funerale

Proprio durante un turno all’ospedale ‘Vito Fazzi’ di Lecce, il giovane si era visto mettere le manette ai polsi. Successivamente lui ha ammesso tutto nel corso dell’interrogatorio al quale era stato sottoposto. Affermando di avere perpetrato il delitto di Lecce per invidia. Il 33enne Daniele De Santis, arbitro professionista con diverse presenze in Serie B e C e la sua compagna Eleonora Manta, 30enne impiegata, “erano troppo felici. Non ci ho visto più”. Per questo De Marco li ha uccisi. Psicologi ed altri professionisti stanno ancora avendo dei colloqui con il giovane, per cercare di capire se sia nel pieno possesso delle sue facoltà mentali. Gli inquirenti hanno anche accertato che De Marco avrebbe pensato pure ad un gesto eclatante da compiere in ospedale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Il movente: “Li ho uccisi perché erano troppo felici”

Omicidio Lecce, “De Marco voleva compiere qualcosa di grosso in ospedale”

Non si sa di quale natura e di che portata, ma quasi sicuramente le conseguenze sarebbero state molto gravi, qualora il 21enne tirocinante infermiere fosse riuscito ad entrare ulteriormente in azione. Si sa anche che era sua intenzione rilasciare una sorta di messaggio di avvertimento per la città con delle scritte minacciose sui muri. Frattanto, ad ogni colloquio, il ragazzo sembra rievocare sempre più dettagli in merito al duplice omicidio compiuto. Tra quello che si è appreso è che De Marco dopo l’omicidio di Lecce avrebbe voluto sbarazzarsi dei corpi delle sue vittime facendo a pezzi i corpi per poi bollirli.

LEGGI ANCHE –> Omicidio De Santis | il giovane omicida confessa | il gesto eclatante