Cristiano Ronaldo torna in Italia: è positivo al Coronavirus

Il talento di Juventus e nazionale portoghese Cristiano Ronaldo torna in Italia: è positivo al Coronavirus, avrebbe violato l’isolamento.

(Valerio Pennicino/Getty Images)

L’attaccante della Juventus Cristiano Ronaldo starebbe tornando in Italia a bordo del proprio jet privato. Ieri il tampone per il Coronavirus ha svelato la sua positività alla malattia. CR7 dunque avrebbe di fatto violato l’isolamento per tornare in Italia e per trascorrere la quarantena a Torino.

Leggi anche: Coronavirus Italia | ‘Il 75% dei contagi avviene a casa in famiglia’

Già oggi è previsto il suo arrivo a Torino, quindi toccherà per lui un periodo di isolamento. La certezza è che salterà due partite, ovvero quella di campionato nel weekend contro il Crotone e la Dynamo Kiev, esordio di Champions League stagionale per la formazione bianconera.

Leggi anche: Coronavirus Italia | ‘Il 75% dei contagi avviene a casa in famiglia’

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Positivo al Coronavirus: Cristiano Ronaldo lascia l’isolamento e torna in Italia

(MARCO BERTORELLO/AFP via Getty Images)

Come noto, Cristiano Ronaldo è asintomatico: sta di fatto che sarà costretto all’isolamento e stando al protocollo Uefa, che attualmente è più rigido di quanto prevede quello italiano, rischia di saltare la sfida del 28 ottobre contro il Barcellona di Leo Messi. Il campione portoghese ieri è stato fotografato mentre si affacciava dal balcone della sua camera d’albergo per osservare l’allenamento dei compagni di nazionale.

Tornerà a disposizione della Juventus una volta che sarà negativo a un tampone, come sancito dal nuovo DPCM in atto, o comunque dopo 10 giorni di quarantena, sempre in base alle nuove disposizioni imposte dal governo per “alleggerire” il carico di positivi e tamponi. Il rischio di nuovi contagi nel calcio è legato anche agli impegni delle Nazionali: è stimato in 251 il numero di giocatori che in questi giorni hanno preso voli intercontinentali dall’Europa per giocare nei propri Paesi d’origine.

Cristiano Ronaldo