Lutto nel Cinema: morta Margaret Nolan, storica Bond girl di Goldfinger

Il mondo del cinema piange la scomparsa di Margaret Nolan, bellissima attrice che recito il ruolo della Bond girl in Goldfinger.

Rimasta negli annali della cinematografia e della cultura pop del XX secolo grazie alla partecipazione all’iconica pellicola di 007, Goldfinger, Margaret Nolan è deceduta nelle scorse ore a 76 anni. Tutti si ricordano di lei per la locandina del film in cui vestiva i panni della ragazza dorata, ma quel ruolo, per quanto iconico, è stato solo piccolo step in una lunga carriera dietro la macchina da presa.

Leggi anche ->Lutto nel cinema, morta Amelia McQueen, star del film cult Ghost

A dare la triste notizia della scomparsa di Margaret è stato il regista Edward Wright, il quale sul proprio account Twitter ha scritto: “E’ il mio triste compito dover’annunciare che l’attrice e artista; la magnificente Margaret Nolan è deceduta”. Il regista ricorda ovviamente il ruolo che le ha permesso di rimanere per decenni un’icona del cinema, ma sottolinea anche come quello fu solo una piccola parte di una carriera durata decenni: “Lei è stata nel mezzo del diagramma di Venn di tutto ciò che era figo negli anni ’60. E’ apparsa insieme ai Beatles, ha recitato il ruolo iconico della Bond girl ed ha recitato nella serie Carry on”.

Leggi anche ->Lutto nel Cinema: morto Clark Middleton, star di Twin Peaks

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Margaret Nolan è morta

Il ricordo di Wright è quello di un uomo che aveva imparato a conoscere un’artista di cui aveva profonda stima. Il regista la ricorda ovviamente come icona di bellezza e strumento di pubblicizzazione del film di James Bond (tutti ricordano la locandina in cui la bellissima attrice appare con l’intero corpo ricoperto di pittura dorata. Tutti ricordano anche la straziante scena che quella locandina anticipava e negli anni successivi ricordava. Però il regista vuole anche fare capire come Margaret Nolan fosse una grande attrice e un’artista a tutto tondo. Lo si capisce sia dal catalogo di film e serie che elenca, sia dall’ultima frase del suo messaggio: “Lei è stata coinvolta in maniera profonda nella scena politica e negli ultimi anni si è dilettata nell’arte visuale. Ha decostruito la sua stessa immagine di modella in una serie di fotomontaggi”.