Bimbo di 8 anni assiste alla morte della madre e denuncia l’assassino: il padre

Dopo aver assistito all’assassinio della madre, un bimbo di 8 anni ha denunciato il colpevole al consulente scolastico: il padre.

Da circa tre giorni la polizia di New Albany (Indiana, Stati Uniti) stava cercando nei boschi intorno alla sua abitazione Rebecca Hoover, 38enne madre di 3 figli scomparsa nel nulla. Fino a quel momento le indagini non avevano portato ad alcuna pista concreta e si preannunciava un’indagine lunga e difficile. Tuttavia allo scoccare del terzo giorno dalla scomparsa della donna, uno dei suoi figli, un bimbo di 8 anni, è andato a parlare con il consulente scolastico in lacrime.

Leggi anche ->Bimbo bullizzato: “Voglio morire”. La video denuncia commuove il mondo

Il piccolo gli ha confessato di aver visto l’omicidio della madre. Ha spiegato che era avvenuto in casa e che il colpevole del brutale assassinio era il padre. Per giorni è stato dilaniato dal rimorso, incapace di scegliere se denunciare il genitore o mantenere un segreto che gli avrebbe condizionato la vita per sempre. Alla fine ha deciso di confessare il terribile reato del padre, anche se questo significa perdere entrambi i genitori.

Leggi anche ->Bimbo torturato dai genitori riesce a scappare di notte, salvato dalla polizia

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bimbo denuncia il padre per l’omicidio della madre: arrestato l’uomo

Il bimbo ha spiegato al consulente e successivamente alla polizia che il padre ha colpito la madre alla testa per almeno 20 volte, finché questa non è crollata a terra priva di sensi. A quel punto l’uomo si è accanito contro di lei dilaniandone il ventre con un mazzo di chiavi. Una volta giunta la denuncia, la polizia ha effettuato una perquisizione lampo nella proprietà della famiglia ed ha trovato il corpo della donna in un container. Dall’autopsia è emerso che le ferite combaciavano con il racconto del bimbo ed il padre è stato arrestato per omicidio volontario ed occultamento di cadavere.