Covid Campania | De Luca firma nuove ordinanze restrittive

Il governatore Vincenzo De Luca prende contromisure importanti per la situazione Covid Campania. Arrivano misure restrittive anti movida.

Covid Campania De Luca
Ordinanze restrittive Covid Campania De Luca Foto dal web

Ordinanza di restrizione per quanto riguarda la situazione Covid Campania. Il governatore Vincenzo De Luca, eletto da neanche 10 giorni per un secondo mandato in qualità di governatore, ha emanato una serie di provvedimenti restrittivi. Tali misure si rendono necessarie per cercare di arginare la curva di contagi che dall’estate ha interessato la regione da lui presieduta.

LEGGI ANCHE –> Morti Coronavirus | allarme dell’OMS | ‘Ci saranno 2 milioni di vittime’

De Luca ha firmato l’ordinanza numero 75 dall’inizio della crisi, disponendo per una serie di forti limitazioni ad attività di ristorazione e simili. La situazione di emergenza Covid Campania permarrà fino al prossimo 7 ottobre. Locali di ritrovo come bar, ristoranti, teatri, cinema ed altri spettacoli dal vivo resteranno aperti fino alle 22:0 qualora non potranno ottemperare alle indicazioni incluse in quanto emanato da De Luca. Vige un divieto di vendita di alcolici di ogni tipo dalle ore 22:00 alle ore 06:00 del giorno dopo. Feste pubbliche e private potranno avere luogo con un massimo di 20 persone e con l’obbligo di mantenere il distanziamento fisico tra i partecipanti e di indossare correttamente (su naso e bocca, n.d.r.) le mascherine.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Bambino Coronavirus | grave in ospedale a 8 mesi | Contagiato dalla nonna

Covid Campania, misure in vigore fino al 7 ottobre

Bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati, teatri e cinema non potranno vendere alcolici dalle 22:00 in poi, come detto, neppure dai distributori automatici. Fiere e sagre continuano ad essere sospese e le mascherine vanno indossate pure all’aperto. Per chi sale sui mezzi pubblici sprovvisto della suddetta mascherina si prevedono multe ed anche l’intervento diretto delle forze dell’ordine, in caso di rifiuto ad utilizzarla ed a scendere dal mezzo stesso. Ed ancora: misurazione obbligatoria della temperatura all’ingresso di ogni negozio, esercizio commerciale ed ufficio pubblico per clienti e dipendenti. In caso di 37,5° di temperatura corporea scattano le misure previste. E non devono mai mancare i dispenser che rilasciano gel igienizzante per gli avventori.

LEGGI ANCHE –> Bracciano, bimba positiva a scuola: 21 in quarantena

 

Visualizza questo post su Instagram

 

COVID-19, PRIME MISURE DRASTICHE ❌SI BLOCCA LA MOVIDA ❌ 🔴#CORONAVIRUS. ho appena firmato l’ordinanza n.75 che contiene ulteriori misure di prevenzione e contenimento del contagio da Covid-19. Ecco la parte ordinativa del testo. 1. Con decorrenza immediata e fino al 7 ottobre 2020, salvo ulteriori modifiche in conseguenza dell’andamento della situazione epidemiologica quotidianamente rilevata. 1.1. l’esercizio e la fruizione delle attività connesse a Cinema, Teatri e Spettacoli dal vivo, Ristorazione e Bar, Wedding e Cerimonie, sono subordinati alla stretta osservanza dei protocolli. 1.2. lo svolgimento di feste e di ricevimenti è consentito esclusivamente nel rispetto del limite massimo di n. 20 partecipanti per ciascun evento. 1.3. a tutti gli esercizi commerciali (ivi compresi bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati). dalle ore 22,00 è fatto divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nonché di tenere in funzione distributori automatici. Resta consentita la somministrazione al banco, nel rispetto del distanziamento obbligatorio, nonché ai tavoli, purché nel rispetto dei Protocolli vigenti. Agli esercizi che non possano garantire dette misure è fatto obbligo di chiusura alle ore 22,00. 1.4. dalle ore 22,00 alle ore 06 è fatto divieto di consumo di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali, nonché nelle aree prospicienti bar ed altri locali pubblici. 1.5. resta sospesa l’attività di sagre e fiere e, in generale, ogni attività o evento il cui svolgimento o fruizione non si svolga in forma statica e con postazioni fisse. 1.6. è fatto divieto di salire a bordo dei mezzi di trasporto ai passeggeri che non indossino la mascherina. Eventuali passeggeri sprovvisti di mascherina devono, in ogni caso, essere sanzionati in conformità a quanto previsto ed essere invitati a scendere immediatamente e comunque appena possibile dal mezzo. In caso di rifiuto, deve essere disposto il blocco del bus o del treno e richiesto l’intervento delle Forze dell’ordine.

Un post condiviso da Vincenzo De Luca (@vincenzodeluca) in data: