Federico Cesari, chi è: carriera e curiosità sul giovane attore

Cosa sapere su Federico Cesari, chi è: carriera e curiosità sul giovane attore reso famoso dalla serie televisiva Skam Italia.

(Instagram)

Romano classe 1997, Federico Cesari è attualmente uno dei più amati attori italiani della sua generazione, noto principalmente per aver interpretato il ruolo di Martino Rametta in Skam Italia. Inoltre ha interpretato il ruolo di Gabriel nella serie televisiva La guerra è finita, che è ispirata al libro Il viaggio verso la Terra promessa. La storia dei bambini di Selvino di Aharon Megged.

Leggi anche –> Nicole Rossi, chi è: età, foto, vita privata della giovane “collegiale”

La serie televisiva interpretata da Federico Cesari al fianco di Michele Riondino, Isabella Ragonese, Valerio Binasco e altri, racconta episodi accaduti in Italia a partire dalla morte di Mussolini e fino al referendum del 2 giugno 1946. In realtà, l’attore aveva esordito giovanissimo in due pellicole dirette da Pupi Avati.

Leggi anche –> Nicole Rossi, la ‘collegiale’ fidanzata: chi è Riccardo Paolino

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Carriera e curiosità sul giovane attore Federico Cesari

Quindi era stato nel cast della quarta stagione della serie tv I Cesaroni, dove era Andy, poi nella seconda stagione di Tutti pazzi per amore e nell’undicesima di Don Matteo, per la regia di Jan Maria Michelini. Dal 2018, invece, era stato nel cast di Skam Italia, facendosi conoscere soprattutto al pubblico più giovane. La web serie creata da Ludovico Bessegato per TIMvision ha avuto un tale successo che è stata acquistata anche da Netflix.

La serie in cui Federico Cesari interpreta Martino Rametta, corrispettivo di Isak Valtersen nell’originale norvegese, è giunta con grandissimo successo alla sua quarta stagione. Per il giovane attore romano, molto seguito su Instagram, c’è stato anche un passaggio sul grande schermo, più recente rispetto agli esordi con Pupi Avati: infatti nel 2017 è stato nel cast della commedia di Federico Moccia dal titolo “Non c’è campo”.