Dramma per il calciatore Sigurdsson: morto il cognato di 11 anni, si è sparato

Il cognato del celebre Gylfi Sigurdsson, di soli 11 anni, ha tragicamente perso la vita, sparandosi accidentalmente con un fucile da caccia.

Terribili notizie arrivano dalla famiglia del celebre Gylfi Sigurdsson. Il suo piccolo cognato, di soltanto 11 anni, è morto tragicamente qualche settimana fa. L’intera famiglia sta attraversando il devastante periodo di lutto. Scopriamo insieme che cosa è successo nel dettaglio.

Leggi anche->Roma: morto bambino ferito con la pistola dal nonno

Si chiamava Maximilian Helgi Ivarsson il ragazzino, e per lui non c’è stata via di scampo. Il giovane, secondo quanto dichiarato dal The Sun, è rimasto tragicamente ucciso mentre era intento a giocare con un fucile da caccia. Sigurdsson non si è ancora espresso in merito alla morte del fratellastro della moglie Alexandra.

Leggi anche->Bambino morto | genitori lo nascondono in secchio di catrame

Secondo alcune dichiarazioni, si suppone che il ragazzino si sia impossessato dell’arma tirandola fuori da un armadio chiuso a chiave. Il padre di Ivarsson è un appassionato cacciatore, ma ancora non è chiaro se l’arma coinvolta nel tragico incidente appartenesse proprio a lui.

Leggi anche->Ragazzo di 16 anni muore dopo essere stato punto da un pesce velenoso

Un incidente grave e inenarrabile quello che ha colpito la famiglia di Sigurdsson, il centrocampista dell’Everton, il giorno 8 Settembre 2020. La scomparsa del giovane ha sicuramente lasciato una cicatrice indelebile nel cuore di tutti i familiari, che al momento sono ancora nel bel mezzo del terribile lutto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Morte del cognato di Gylfi Sigurdsson: il messaggio in onore della vittima

In seguito alla tragedia, che ha visto un ragazzo di soli 11 anni perdere tragicamente la vita dopo un incidente, la famiglia ha deciso di rendere omaggio al defunto con un messaggio pubblicato sul giornale islandese Morgunblaðið. “Scrivere queste parole ci spezza il cuore”, si legge nel tributo. “La prima parola che ci viene in mente è ‘gratitudine‘. Gratitudine per essere riusciti a rimanere al tuo fianco durante questo breve periodo di vita, e per aver potuto gioire della tua splendida presenza.”