Marco Milano, la triste fine del comico di Mai dire Gol: dimenticato da tutti

0
8

Marco Milano è stato una celebrità per tutti gli anni ’90: a causa di una serie di vicissitudini oggi è caduto nel dimenticatoio.

Probabilmente molti di voi a sentire il nome Marco Milano non avrete alcun input, ma se lo chiamassimo con il suo nome d’arte ‘Mandi Mandi‘, sicuramente vi ricorderete che si tratta di un comico che negli anni ’90 aveva raggiunto la fama grazie al successo di ‘Mai dire Gol’. Marco è stato uno dei primi comici lanciati dalla trasmissione Mediaset che negli anni ha dato il via alla carriera di numerosi attori comici. Da quegli studi sono passati artisti del calibro di Claudio Bisio, Fabio De Luigi, Teo Teocoli, Maurizio Crozza e Maccio Capatonda (solo per citarne alcuni).

Leggi anche ->Marco Milano, chi è il mitico Mandi Mandi di Mai dire Gol: che fine ha fatto

Marco Milano negli anni ’90 era diventato un protagonista della televisione italiana ed aveva cominciato ad ampliare la propria carriera al cinema grazie alle collaborazioni con Massimo Boldi. Poi nel 2008 è cominciato il suo dramma: “Equitalia iniziò a mandare una serie di cartelle esattoriali pesantissime. Il mio studio commercialista aveva sbagliato per quattro anni di seguito le dichiarazioni dei redditi e così mi sono trovato di fronte a un debito con lo Stato enorme che non potevo onorare. È giusto che i commercialisti commettano degli errori e poi la responsabilità ricada sui cittadini?”.

Leggi anche ->Yu Yu, chi è: vero nome, successi, che fine ha fatto

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Marco Milano: la triste fine del comico friulano

Ai problemi economici, presto si sono aggiunti quelli lavorativi. Marco non riusciva più a trovare un lavoro e quindi ad onorare i debiti che si erano accumulati nel tempo. Il fisco gli ha tolto la casa, l’auto e qualsiasi cosa fosse intestata a suo nome. Questa situazione complicata ha portato il comico a passare un periodo di forte depressione: “Il 2014 il mio anno orribile dove caddi in una depressione spaventosa. Ero solo, senza una lira e anche la mia compagna di allora mi aveva lasciato. Così mi chiusi in Maremma in una casa e, per quindici giorni, non presi nulla da mangiare e da bere come per lasciarmi morire. Volevo morire”.

Fortunatamente il comico è stato salvato e portato in ospedale. Dopo quella situazione estrema, Marco Milano ha deciso di risollevarsi e provare a rimettere sui binari corretti la propria vita. Qualcosa nell’ultimo periodo si è smosso, anche se la pandemia ha bloccato tutto: “Con la Sunshine production di Bruno Frustaci abbiamo iniziato a girare i film di Natale che sono andati bene ma che oggi, a causa del lockdown, si sono fermati nella produzione”.

Rovinato da Equitalia, non ha più una casa