Home News Punta da uno scorpione nascosto nell’uva: 31enne ricoverata d’urgenza in ospedale

Punta da uno scorpione nascosto nell’uva: 31enne ricoverata d’urgenza in ospedale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 23:05
CONDIVIDI

Una 31enne residente della città russa di Kazan è stata punta da uno scorpione perfettamente mimetizzato in un grappolo d’uva: ecco il suo racconto.

Una 31enne russa residente della città di Kazan, Inga Tsyfarkina, è stata protagonista di un’esperienza a dir poco traumatica. Mentre apriva una confezione d’uva comprata in un supermercato è stata punta alla mano destra da uno scorpione e il dolore è stato tale da rendere necessario il suo ricovero in ospedale.

Leggi anche –> Scorpione entra nel pannolino e punge la neonata per 7 volte: il dramma della piccola Maria Sofia

Leggi anche –> Bambino massacrato dai calabroni: muore dopo centinaia di punture

Lo scorpione spuntato all’improvviso tra gli acini

La sfortunata 31enne aveva ricevuto l’uva in regalo da un genitore di un bambino portatore di handicap di cui si prende cura. Al momento di aprire la confezione, tuttavia, ha sentito un acuto dolore alla mano destra e ha pensato subito che si trattasse di una puntura di ape o di vespa. Poi l’inquietante sorpresa: tra gli acini d’uva era presente uno scorpione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Ho sentito una puntura acuta in un dito della mia mano destra  ha raccontato la donna di Kazan (capitale del Tataristan) -. All’inizio ho pensato di essere stato punto da una vespa o da un’ape. Poi ho guardato l’uva e ho visto uno scorpione”. I suoi colleghi del centro di riabilitazione per bambini e ragazzi con handicap hanno subito chiamato un’ambulanza. I paramedici inizialmente non hanno creduto che fosse stata punto da uno scorpione, ma tant’è.

Inga è stata quindi trattenuta in ospedale per un’intera notte, dato che il “dito era diventato immediatamente dolorante” e la sua “mano era insensibile”. La sua condizione è stata poi valutata fuori pericolo. Nel frattempo il supermercato, informato dell’accaduto, ha distrutto l’intera partita di frutta “sospetta”, proveniente dalla Turchia.

EDS