Covid Italia | dottor Antonelli | ‘I giovani sbagliano a sentirsi invincibili’

Situazione Covid Italia, i più giovani continuano a mostrare atteggiamenti non responsabili. Antonelli del Comitato Tecnico Scientifico li ammonisce.

Covid Italia seconda ondata
Una seconda ondata di Covid Italia non dovrebbe essere disastrosa come la prima FOTO Getty Images

Per il professor Massimo Antonelli, che dirige il dipartimento di Anestesia e Rianimazione del Policlinico Gemelli di Roma, la situazione Covid Italia resta sotto controllo. Il tutto nonostante il numero dei ricoveri in Terapia Intensiva sia in aumento.

LEGGI ANCHE –> Atalanta Coronavirus | il Ministero | ‘Col Valencia esplosione del virus’

“Intanto perché la salita è lieve”, afferma Antonelli, che è anche membro del Comitato Tecnico Scientifico che fa da supporto al Governo nella gestione della epidemia. Al Corriere della Sera l’esperto dice che il sistema sanitario italiano riuscirà a tenere, a differenza dello scorso inverno quando il dazio versato fu enorme in termine di vite umane. Con migliaia di morti tra i pazienti e tante vititme anche tra il personale medico e sanitario. “Pure i malati gravi sono presenti in un numero minimale. Siamo a meno dell’1% contro il 5% del periodo più duro della pandemia riguardo al numero di terapie intensive. Ad oggi, 21 agosto 2019, i ricoveri gravi sono un pò più di 50”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Focolaio al Billionaire: 6 positivi nel locale di Porto Cervo

Covid Italia, Antonelli: “Ora riusciremo a reggere una eventuale seconda ondata”

Qualora dovesse incorrere una seconda ondata nella situazione Covid Italia, il nostro apparato sanitario dovrebbe comunque riuscire a tenere il colpo. Anche perché ora abbiamo conoscenza di ciò che abbiamo davanti. I posti letto sono aumentati da 5300 a 8000, il che rappresenta un dato significativo. Infine Antonelli conferma che il nuovo target del virus è rappresentato da individui vicini ai 40 anni. Proprio per questo motivo serve fare attenzione e rispettare le regole. “I giovani si sentono invincibili ma non lo sono affatto. Non possiamo permetterci il rischio di assumere atteggiamenti di irresponsabilità come sta capitando troppo spesso”.

LEGGI ANCHE –> Brescia, la furia di Cellino: “Ora tutti positivi dopo due balli in discoteca”