Viviana Parisi, il testimone agli inquirenti: “Ho visto Gioele vivo”

Si torna a parlare del caso di Viviana Parisi, un testimone si è presentato agli inquirenti e ha raccontato qualcosa di fondamentale per le indagini.

viviana parisi

Si cerca ancora il piccolo Gioele, il bimbo scomparso insieme alla madre Viviana Parisi. Lei è stata trovata priva di vita ai piedi di un traliccio, del bimbo invece si è persa ogni traccia.

Leggi anche –> Viviana Parisi, la rivelazione: “Temeva che le portassero via il figlio”

Arriva ora una possibile svolta grazie ad un testimone che ha visto qualcosa di importante. Il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, ha infatti reso nota la testimonianza di un uomo che ha visto Gioele insieme alla madre.

Viviana Parisi, il bambino visto vivo da un testimone

Come dicevamo il testimone ha dato elementi utili all’indagine. “Gioele era vivo, in braccio alla madre, in posizione verticale e senza alcuna ferita sono queste le parole dell’uomo che ha visto il bimbo e la madre dopo il loro incidente stradale.

Viene così meno definitivamente l’ipotesi che il piccolo potesse essersi ferito mortalmente nell’incidente. Restano invece in piedi le altre ipotesi come quella della successiva aggressione di due cani o quella dell’omicidio-suicidio. Rimane però anche un grosso punto interrogativo: dov’è il piccolo Gioele? Ricordiamo che il bimbo ha solo 4 anni e che ormai sono già 14 i giorni passati dalla sparizione.

I genitori di Viviana chiedono di poter vedere le foto del corpo, permesso negato

Intanto arriva anche la notizia che i genitori di Viviana hanno chiesto di poter visionare il corpo della figlia per accertarsi che si tratti proprio di lei. L’avvocato del genero ha spiegato: “I genitori avevano dei dubbi addirittura sul fatto che si potesse trattare di Viviana e volevano visionare delle foto del cadavere. Gli è stato spiegato che, dai riscontri, in particolare la fede e i vestiti, erano sicuri si trattasse di Viviana e che non era il caso e non era possibile visionare le foto. Tuttavia hanno permesso ai genitori di fare delle ricerche autonomamente“.