Negazionisti Covid | proteste in Spagna | ‘Il virus non esiste’ | VIDEO

Proteste negazionisti Covid, in diversi si accalcano a Madrid per alzare la voce contro l’uso delle mascherine. “È tutto un complotto”.

negazionisti Covid Spagna
Proteste negazionisti Covid Spagna Foto dal web

In Spagna un gruppo di negazionisti del Covid ha inscenato una protesta in piazza a Madrid, gridando frasi come “Libertà!” e criticando il governo centrale per le disposizioni imposte alla popolazione in materia di contenimento del virus.

LEGGI ANCHE –> Sharon Stone: “Mia sorella ha Coronavirus, colpa degli imprudenti” – VIDEO

C’è chi alla epidemia in corso, che sta mietendo contagi e vittime a migliaia in tutto il mondo, proprio non vuole o non riesce a credere. E l’obbligo di utilizzare la mascherina, così come altre restrizioni necessarie, suonano ad una certa parte della popolazione come una invenzione concepita per controllare la gente. Ma la maggior parte della popolazione in Spagna condanna quanto fatto da questi negazionisti del Covid. Il raduno di protesta aveva visto tra i sui principali promotori anche Miguel Bosè, il quale ha rivolto un messaggio sul suo profilo social di vicinanza a coloro che pensano che il Coronavirus sia soltanto una invenzione. Ma pure il cantante, molto famoso dalle nostre parti, è diventato bersaglio di critiche ed anche di insulti.

LEGGI ANCHE –> Discoteche chiuse, la Santanché: “Resto aperta ma non si balla” – VIDEO

Negazionisti Covid, la protesta nonostante il dramma vissuto dalla Spagna

I negazionisti Covid si sono serviti di slogan urlati e scritti quali ‘Le maschere uccidono’, ‘Il virus non esiste’ e simili. Tra le loro fila si annoverano anche molti no vax, nazionalisti e complottisti. Ed ovviamente – tranne qualche rarissima eccezione – nessuno di loro aveva la mascherina. Un atteggiamento simile ha scatenato forti polemiche quando anche Matteo Salvini ha fatto lo stesso in Senato alcuni giorni fa. In Spagna recenti comportamenti di irresponsabilità come questo hanno portato ad un nuovo aumento dei contagi. Ai quali due giorni fa il governo locale ha reagito imponendo delle nuove restrizioni, come la chiusura delle discoteche ed il divieto di fumo in pubblico se non è possibile osservare una distanza fisica tra gli individui di almeno 2 metri.

LEGGI ANCHE –> Discoteche chiuse | Linus attacca | ‘Chi le ha riaperte era ubriaco?’