Marcell Jacobs, chi è il giovane sprinter italiano: carriera e curiosità

Cosa sapere su Marcell Jacobs, chi è il giovane sprinter italiano: carriera e curiosità, tutti i suoi primati raggiunti.

(screenshot video)

Amico e rivale di Filippo Tortu, figlio di mamma italiana e papà texano, nato a El Paso dove ha trascorso i primi anni di vita, Marcell Jacobs – classe 1994 – da bambino si trasferisce in Italia con la madre. A 10 anni inizia con l’atletica leggera.

Leggi anche –> Filippo Tortu, chi è il giovane sprinter italiano: carriera e curiosità

Capisce subito che la sua specialità sono le distanze brevi, ma pratica anche il salto in lungo a partire dal 2011, ottenendo nel 2013 la migliore prestazione italiana juniores nel salto in lungo indoor, battendo un record che resisteva dal 1976.

Leggi anche –> Record Italiano sui 100 metri, di Filippo Tortu 9.99 per la prima Volta sotto i 10 secondi – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Marcell Jacobs, campione e sprinter italiano

Nel 2014 è diventato padre di Jeremy, l’anno dopo migliora il suo primato personale indoor con un salto di 8,03 m durante le qualificazioni dei campionati italiani indoor, con la quarta miglior prestazione italiana di sempre. Da settembre 2015 è allenato da Paolo Camossi. Nel 2016, ai campionati italiani promesse di Bressanone ha saltato 8,48 m, ma a causa del vento a favore quel risultato non viene omologato: si tratta del primato nazionale.

Nel 2017, dopo la gara del lungo agli Europei indoor del 2017, si infortuna procurandosi una lesione al bicipite femorale sinistro. Inizia a concentrarsi sullo sprint e il 1º maggio 2018 corre in 10″15 i 100 piani a Palmanova, migliorando il proprio record personale. Sei giorni dopo, ai campionati societari di Campi Bisenzio, corre in 10″12, migliorando ancora se stesso e stabilendo il 5º tempo italiano di sempre. Il 23 maggio 2018 al meeting di Savona, corre i 100 metri in 10″08, quarto tempo italiano di sempre. Il 16 luglio 2019 partecipa al meeting Città di Padova e migliora il proprio personale sui 100 m piani correndo in 10″03, terza prestazione italiana di sempre alle spalle di Tortu (9″99) e Mennea (10″01).