Lucio Dalla, otto anni fa il drammatico addio: com’è morto davvero il cantante

Il 1° marzo 2012 Lucio Dalla moriva all’improvviso a Montreaux, durante un tour in Svizzera, a causa di un infarto. Ma gli interrogativi sono ancora molti.   

Sono già trascorsi otto anni dalla scomparsa di Lucio Dalla, ma il suo affezionatissimo pubblico italiano (e non solo) non smette di interrogarsi sulle circostanze della sua morte. Era il 1° marzo del 2012 quando il celebre cantautore, a un passo dal suo 69° compleanno, durante un soggiorno a Montreaux per una serie di concerti in Svizzera, fu colpito durante le prime ore del mattino da un infarto che non gli ha lasciato scampo.

Leggi anche –> Chi è Lucio Dalla: vita privata, carriera, amori, successi e morte del cantautore

Leggi anche –> Ron, la verità sulla relazione con Lucio Dalla: era solo amicizia?

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La verità sulla prematura scomparsa di Lucio Dalla

Solo poche ore prima del tragico evento Lucio Dalla “appariva tranquillo, ottimista, allegro, pieno di progetti, con grande voglia di sperimentare nuovi territori”, ha ricordato l’amico e artista Andrea Mingardi, tra i tanti che ne piangono ancor oggi la prematura scomparsa. Gli ha fatto eco lo storico amico Roberto Serra: “Non è possibile, mi ha telefonato ieri sera, stava benissimo ed era felice, tranquillo, divertito e in pace con se stesso”. Tant’è.

Montreaux, l’ultimo luogo visitato da Lucio Dalla prima della sua morte, è stata un po’ la chiusura di un cerchio. Il legame fra il cantautore e la Svizzera era fortissimo, e affondava le radici in un indimenticabile tour affrontato trent’anni prima. Resta però lo sgomento per una dipartita così improvvisa, senza alcuna avvisaglia dell’imminente malore. “Non vi era alcun segno di stanchezza o un segnale che non fosse in forma”, ha rimarcato Pascal Pellegrino, direttore della stagione culturale nella città svizzera. Ragion per cui alcuni non hanno mai creduto all’infarto, e hanno alimentato una “teoria del complotto” per cui Dalla sarebbe stato addirittura avvelenato mentre soggiornava nella città massona in cui trovano rifugio i Cavalieri Templari (con la rosa posta sulla sua bara additata come simbolo della presunta affiliazione dell’artista alla massoneria)…

Leggi anche –> Lucio Dalla, chi è il compagno Marco Alemanno: età, vita e carriera

Leggi anche –> Lucio Dalla, ecco come l’immensa eredità è stata dilapidata

EDS