Coronavirus, allarme focolai in Emilia-Romagna: “Colpa dei giovani”

L’assessore alle Politiche per la salute in Emilia-Romagna, Raffaele Donini, lancia dura accuse dopo i nuovi casi di Coronavirus in regione.

Il Coronavirus torna a far tremare l’Emilia Romagna, e non solo, ma stavolta c’è chi punta il dito sui (presunti) responsabili della ripresa dei contagi. “I focolai che abbiamo sul territorio sono prevalentemente dovuti a ragazzi giovani che tornano dalle vacanze all’estero, nelle quali probabilmente non hanno avuto le precauzioni dovute o non erano in contesti in cui le precauzioni erano applicate” tuona l’assessore alle Politiche per la salute in Emilia-Romagna, Raffaele Donini, nella nota sui nuovi casi di Covid-19 in regione. Un’accusa che suona anche e soprattutto come un invito ad assumere comportamenti seri e responsabili per la tutela della salute generale.

Leggi anche –> Coronavirus 8 agosto: in Italia meno contagi ma più morti

Leggi anche –> Coronavirus, nuovo monito Iss-ministero: “Tendenza in aumento”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La pericolosa curva del Coronavirus

Certo è che nelle scorse ore la curva del Coronavirus si è mossa in una direzione poco rassicurante. “In Europa viviamo una situazione drammatica – sottolinea Raffaele Donini -, in Italia i casi sono aumentati in modo considerevole, in Emilia-Romagna stiamo ancora riuscendo ad esercitare l’azione di contact tracing grazie alla quale i positivi vengono scoperti nell’85% dei casi già in isolamento”.

L’assessore lancia quindi un accorato appello ai giovani: “Abbiamo focolai anche all’interno della nostra regione, che stiamo ovviamente circoscrivendo. Però è importante ricordare che sia in Italia che all’estero si deve mantenere il distanziamento o, dove non è possibile, serve l’uso rigoroso della mascherina”. A buon intenditore…

Leggi anche –> Coronavirus, test sierologico gratis ai donatori di sangue: ecco dove

Leggi anche –> Coronavirus, i verbali resi pubblici: “Fu Conte a volere il lockdown”

EDS

Italia Coronavirus